M5S, CIRILLO: APPROVATA LA LEGGE PER RICONOSCIMENTO E PROMOZIONE LINGUA DEI SEGNI IN CAMPANIA.

“Si tratta di un’ulteriore passo in avanti nel percorso per la tutela dei disabili, dopo che lo scorso anno, fu approvata la legge istitutiva del Garante regionale dei disabili.” Così Luigi Cirillo, consigliere regionale del MoVimento 5 stelle e firmatario del testo unificato votato all’unanimità nella seduta di Consiglio Regionale della Campania –  tutelare e regolamentare le attività connesse alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) e alla Lingua dei Segni Italiana tattile. “Questa legge rappresenta uno strumento di comunicazione indispensabile per le persone sorde, sordocieche, con disabilità uditiva in generale, con deficit di comunicazione o di linguaggio – precisa Cirillo – soprattutto per l’accesso alle sedute del Consiglio Regionale abbiamo previsto la sottotitolazione e interpretariato LIS per abbattere le barriere comunicative nell’assemblea legislativa regionale” “Abbiamo previsto interventi per favorire l’accessibilità alla cultura, ai trasporti, lavoro e istruzione scolastica e universitaria attraverso apposite convenzioni – continua Cirillo – nonché maggiori risorse alla formazione e sperimentazione di nuove tecnologiche per la comunicazione.”  “Oggi abbiamo dato un importante segnale di civiltà, un atto dovuto e atteso da decenni da tutta la comunità sorda campana – conclude Cirillo – abbiamo lavorato insieme a tutte le associazioni rappresentative con le quali proseguiremo la collaborazione al fine di elaborare nuove proposte che risolvano le criticità che ancora oggi affliggono i disabili in Regione Campania”.

Previous Estorsioni e droga, quaranta arresti nel quartiere di San Giovanni a Teduccio
Next A Casalnuovo il 21 e 22 luglio “Via Roma in Festa”

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Roghi tossici ed emergenza rifiuti: Il Coordinamento Comitato Fuochi torna a far sentire la propria voce

A distanza di diversi mesi dalla manifestazione del 16 novembre 2013  “Fiume in piena”, che vide la partecipazione di migliaia di cittadini che si riversarono per le strade di Napoli

Qui ed ora

Don Giovanni Liccardo: “Al fianco dei detenuti, nel nome di Papa Francesco”.

“Ho deciso di affrontare la sfida del carcere di Poggioreale, ispirato dalle parole di Papa Francesco, cioè ‘portare il Vangelo nelle periferie esistenziali della vita’. Io credo che un carcere

Qui ed ora

RENZI.”CON IL SI BASTA CON GLI INCIUCI E CON LA PALUDE.L’ITALIA SI RIMETTE IN MOTO.”

“C’e’ una variegata alleanza di quelli che dicono “No”: D’Alema, Berlusconi, Monti, Fini, Dini, Cirino Pomicino. Sono rispettabili ma mi colpisce che siano gli stessi che sugli stessi argomenti prima

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi