M5S: “Forestali pagati dopo anni di battaglie e il suicidio di un lavoratore”

Ci sono voluti anni profusi in battaglie, atti amministrative e denunce, perché il popolo degli operatori idraulico forestali fosse finalmente retribuito fino all’ultimo centesimo. Una vittoria che, come Movimento 5 Stelle, abbiamo conseguito lottando alla testa di ben 4.500 lavoratori che hanno accumulato ritardi nel pagamento degli stipendi fino a sei mesi, ma che, nonostante tutto, non hanno mai fatto mancare neppure per un giorno la loro indispensabile opera di tutela dei boschi e della macchia mediterranea della nostra regione. Neppure il suicidio, cinque anni fa, di un lavoratore stanco di sacrificare la propria vita senza riuscire a garantire neppure il piatto a tavola per i suoi, era riuscito a smuovere i due governi regionali che si sono avvicendati in questi anni affinché si mettesse fine al dramma di tanti lavoratori. La vera beffa per tutti questi operatori e per le loro famiglie è che i ritardi sono stati accumulati a causa di cavilli burocratici, di procedure tormentare nell’emissione dei cedolini di pagamento e della totale incapacità da parte di funzionari e dipendenti regionali nel mettere mano a un software che, ancora oggi, non hanno imparato a utilizzare”. Così i consiglieri regionali del movimento 5 Stelle Michele Cammarano e Gennaro Saiello.

Gettare fango sulle Comunità montane, come fa oggi De Luca, è solo un modo per scaricare le responsabilità lontano dai suoi uffici. Se fossero vere le accuse di “porcherie clientelari” formulate dal governatore della Campania, perché non si è rivolto alla Procura, piuttosto che scegliere la strada del comizio elettorale? Oramai è chiara la strategia di De Luca. Pur di sfuggire alle sue responsabilità, si mette a parlare di strani complotti, come nel caso delle formiche al San Giovanni Bosco, tira in ballo forze oscure, come il peggior De Magistris, oppure, come in questo caso, formula accuse senza aver alcuno elemento”.

Previous Pietrangelo Gregorio ci ha lasciati
Next Al Liceo Classico De Liguori di Sant'Agata dei Goti (BN) in scena "La notte nazionale del Liceo Classico"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Turista tedesco 17enne ferito alla testa

Un giovane turista tedesco di 17 anni è rimasto ferito alla testa a causa del crollo di una struttura in ferro, raffigurante un dragone, installata su un palazzo nella zona

Qui ed ora

SOLIDARIETA’ UE : ANCHE LA GERMANIA CONTRO L’APERTURA DEI PORTI

“Non sosteniamo la cosiddetta regionalizzazione delle operazioni di salvataggio”. Così  si è espresso il ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maiziere in arrivo alla riunione a Tallinn, in riferimento alla proposta

Qui ed ora

Avellino, primi nomi per la Provincia: il PD sceglie Foti

A poco più di dieci giorni dalla scadenza dei termini per la presentazione delle liste per il rinnovo delle cariche di presidente e consiglieri della Provincia di Avellino, inizia timidamente

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi