Malo è da tempo custode del tesoro di bellezza ed eleganza. Il cashmere di sublime fattura italiana

Risultati immagini per cachemire malo

Malo, dal latino “ego malo”, significa “io preferisco”. un nome che si rivolge a chi percependo la differenza tra un buon cashmere e un cashmere di sublime fattura italianaNata a Firenze nel 1972, in pochi anni diventa leader nella produzione di maglieria in cashmere di alta gamma.

Dai nobili materiali prendono vita capi unici e preziosi che confermano in ogni dettaglio un’attenzione rigorosa alla qualità, alla tradizione, alla sperimentazione di nuove tecniche e lavorazioni. E’ da tempo custode del tesoro di bellezza ed eleganza, consapevole della pregiata arte manufatturiera del proprio personale. Un team di talenti che rende possibile lo sviluppo di nuove idee e la sperimentazione di nuovi percorsi per capi in continua evoluzione, ma con un denominatore comune: la promessa di un prodotto prezioso 100% Made in Italy.

Un brand con un focus artigianale dove passione e intuizione sono parte integrante del processo di design, dalla ricerca dei filati di cashmere alla filatura, dalla tintura alla lavorazione della maglia. Il lusso è invisibile, materia intima e segreta che si traduce in ricerca di forme, dettagli e cuciture. E’ la forza immateriale del carattere Malo che si evolve in un’eleganza senza tempo, come le vere passioni. Lo storico marchio fiorentino ritorna alla conquista del mercato del lusso grazie ad un importante processo di rilancio. L’azienda, fondata dai fratelli Canessa, è stata infatti rilevata nell’autunno 2018 da tre brillanti imprenditori del nostro Nordest: Walter Maiocchi, già Presidente della realtà mantovana di impianti di refrigerazione Zanotti, e i suoi due soci, Luigino Belloni e Bastian Mario Stangoni.

È così che gli stabilimenti di Campi Bisenzio (Firenze) e Borgonovo Val Tidone (Piacenza) sono ritornati protagonisti di quel processo produttivo che mira innanzitutto alla valorizzazione dell’alto artigianato 100% Made in Italy: una rinnovata generazione di magliai in grado di declinare l’antica tradizione manifatturiera del nostro territorio in chiave contemporanea, seguendo il passo dei trend del momento, senza mai dimenticare i codici stilistici che da decenni contraddistinguono il brand. Insieme alla maglieria, core business di Malo, il nuovo team creativo punta anche sugli accessori, soprattutto borse, interamente in cashmere, realizzate senza l’utilizzo di alcun pellame.

I capi della tradizione vengono sapientemente arricchiti con innovativi dettagli hi-tech per un posizionamento sul mercato davvero alto, strizzando però l’occhio anche alle nuove generazioni.
Preziosità delle lavorazioni e utilizzo di tessuti pregiati contraddistinguono la ricercatezza evoluta dell’outfit firmato Malo. Colori, luce e vitalità si fanno spazio tra linee morbide, materiali di alta qualità e dettagli di stile, nel segno di un’artigianalità senza tempo. Maiocchi, ha commentato questo nuovo sviluppo dell’azienda ai microfoni ti “Tgcom 24”.

Ecco quanto evidenziato da “Linkabile”:

Scelta coraggiosa:  Da ragazzo le maglie di Malo erano un sogno per me. Un brand tutto italiano, sinonimo di qualità e prestigio. Quello che mi ha affascinato fin da subito sono state le maestranze magliaie di altissimo livello, espressione artigianale che vogliamo portare avanti.

Malo guarda al futuro: La sfida che stiamo affrontando è quella di mantenere il Dna del marchio, i suoi valori intrinsechi di qualità, di artigianalità e di Made in Italy, al tempo stesso rinnovandolo. Sicuramente il futuro riguarderà un’importante spinta sul mercato estero, dove Malo è riconosciuto e apprezzato come eccellenza italiana, attraverso l’implementazione dell’export. Ma non solo. Tra i vari obiettivi che ci siamo posti vi è anche l’apertura dello store online e l’inaugurazione di nuove boutique monomarca, oltre a quelle già esistenti a Milano, Roma, Venezia e Porto Cervo.

Valorizzazione dell’artigianalità Italiana:  Le persone in Malo sono sempre al primo posto, costituiscono il pilastro portante dell’azienda. Le nostre maestranze sono altamente specializzate ed essenziali per la realizzazione di un prodotto artigianale. Il plus di Malo è proprio questo: ogni maglione è realizzato da persone che amano il proprio lavoro e lo svolgono da tempo con la più alta professionalità.

Nuovi capi, codici stilistici iconici del brand irrinunciabili e quali gli elementi di innovazione:  Sì, è stato un vero successo. Siamo rientrati nel Calendario della Camera della Moda e abbiamo presentato una collezione ricca di dettagli, giocata sul tema del viaggio e su quattro palette cromatiche che invitano l’occhio a perdersi in un caleidoscopio di paesaggi e colori. Protagonisti, nei capi sia uomo che donna, i tessuti e i materiali preziosi lavorati con sorprendente perfezione. Cashmere, cotone Makò, seta, fresco di lana e altre fibre di pregio, proposti nei codici stilistici che da decenni contraddistinguono Malo: classe, eleganza ed eccellenza. Abbiamo dato risalto anche agli accessori ed esplorato nuove vestibilità. Non manca la costante ricerca.

Non solo abiti e maglioni, ma anche accessori:  Le borse in cashmere della collezione AI19 sono destinate a diventare accessorio must-have per la stagione autunno inverno 2019-20. Abbiamo attinto all’heritage del brand e ai modelli iconici, rivisitati con tecniche nuove, mantenendo l’altissima qualità delle fibre e l’eccellenza che rappresenta Malo.

Come sono l’uomo e la donna Malo e a quale pubblico si rivolge:  I nostri affezionati sono persone attente alla qualità e a uno stile senza tempo. Sono interessati a capi che trasmettono sicurezza, che durano tutta la vita. Sanno che acquistare Malo significa scegliere un prodotto italiano di altissimo pregio. Sicuramente il nostro obiettivo è puntare anche ai più giovani che non conoscono il brand. I millennials sono esigenti, così come i nuovi clienti del lusso. Per questo dobbiamo puntare sul Made in Malo: mostrare l’artigianalità e tutta la maestranza che si nasconde dietro ad ogni singolo capo. Per avvicinarci ai millennials, stiamo per approdare sul web con l’e-commerce, progetto importante che abbiamo in cantiere.

Obiettivi per la crescita e l’espansione del brand:  Vogliamo costruire una rete retail forte, trovare il nostro spazio nei centri più importanti del mondo. Sicuramente un passo imminente sarà riprendere il mercato americano. Abbiamo già riaperto lo show-room di New York ma non ci fermeremo a questo. La voglia di portare il Made in Malo all’estero e far conoscere l’eccellenza che ci contraddistingue è forte e siamo determinati a riuscirci. Senza mai dimenticare il ruolo dei maestri artigiani del nostro territorio: l’azienda infatti ha messo in cantiere anche la realizzazione di una scuola che possa trasmettere alle nuove generazioni la sapiente arte della tessitura.

Previous M5S, Ciarambino: “Aggressioni in corsia, sì a nostra mozione per garantire sicurezza negli ospedali”
Next Def: ok del Senato alla risoluzione di maggioranza

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Napoli, Emma Bonino incontra i protagonisti del cambiamento

Domani alle  ore 11:30 presso la Basilica di Madre del Buon Consiglio, situata in Via Capodimonte 13, Napoli,  avverra’ l’incontro tra l’esponente della politica Emma Bonino e i rappresentanti di

Economia e Welfare

Vaccini: SIANI-De Filippo,annullare conferenza Camera No-Vax

“Domani nella sala stampa della Camera dei deputati e’ stata convocata una conferenza stampa dall’associazione No Vax Corvelva che vuole denunciare i dati delle analisi indipendenti svolte su alcuni lotti

Economia e Welfare

FLUSSI MIGRATORI GRANDI CITTÀ. DA DOVE ARRIVA CHI COMPRA CASA? A Firenze e Milano le percentuali più alte di acquirenti da altre province A Genova, Verona e Roma comprano quasi esclusivamente persone già residenti in città

Per ogni grande città si è calcolata la percentuale di acquirenti già residenti in città, che arrivano dall’hinterland e che provengono da altre province italiane. L’analisi ha messo in evidenza

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi