Manovra: cambia il congedo di maternità, al lavoro fino al nono mese

Cambia con la manovra il congedo per le neomamme lavoratrici. Chi vorrà (con via libera del medico) potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi ‘in dote’ l’intero periodo di astensione di 5 mesi a dopo il parto. E’ quanto prevede un emendamento della Lega dedicato alle politiche delle famiglia approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Il nuovo sistema viene proposto come ‘alternativa’ all’attuale, che impone invece l’obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino.

Diverse le novità introdotte durante la discussione in commissione a Montecitorio.

Niente più carta sconti per le famiglie di immigrati. L’emendamento della Lega sulla famiglia, approvato tra le modifiche alla manovra, limita la platea dei destinatari della carta istituita nel 2016 per famiglie italiane o “straniere” residenti in Italia alle sole famiglie italiane “ovvero appartenenti a Paesi membri dell’Ue”. Rispetto alla norma precedente rimane il vincolo dei tre figli a carico, ma viene alzato il limite di età da 18 a 26 anni. Scompare anche il riferimento all’Isee per definire le modalità di rilascio affidate ad un Dpcm.(

Manovra, meno fondi bonus 18/enni, sarà legato a Isee. Gli stanziamenti a favore della ‘card cultura’ dei 18enni scendono ulteriormente da 270 a 230 milioni (dai 290 milioni precedenti). Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio che inserisce l’Isee tra i criteri per definire la platea dei destinatari. I 40 milioni sottratti al bonus saranno distribuiti ad altre attività culturali: dal Fondo unico per lo spettacolo al sostegno di festival, cori e bande, dalle fondazioni lirico-sinfoniche a Matera, da iniziative culturali in zone terremotate alla riqualificazione delle periferie.

Previous L'intelligenza artificale trasforma in musica il canto delle megattere
Next NEL 2019, LA PUBBLICITA' SI TRASFERISCE SUL WEB

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Addio all’ultimo gentiluomo della tv italiana

Paolo Limiti, nato a Milano 77 anni fa, si è spento nella sua casa milanese. Autore dagli anni 60 di numerose trasmissioni televisive, una su tutte il Rischiatutto di Mike Bongiorno,

Qui ed ora

CINA : PROVINCIA DI SICHUAN : 141 PERSONE SEPOLTE VIVE .

Sono 141 le persone rimaste sepolte vive dalla frana che ha travolto oltre 40 case nella provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina. La frana e’ caduta dalla montagna nel

Qui ed ora

Napoli, la burocrazia blocca la riapertura dell’Edenlandia

La vicenda dell’Edenlandia, parco divertimenti della città di Napoli, è diventata l’ennesimo “teatrino” del territorio campano. Quel luogo, che agli inizi degli anni Sessanta, aveva affascinato tutti con la sua

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi