MARCO PANNELLA, UN INTELLETTUALE CAPACE DI RARA BELLEZZA E MODESTIA

Marco Pannella sta molto male. Sembra essere giunto al limite estremo di una vita di pienezza assoluta. La sua è l’avventura umana più dolce che il nostro Paese abbia visto. Marco non è quella figura lontana e surreale come a volte appariva. Semmai un fanciullo, un intellettuale totale capace di rara tenerezza e modestia. E quanta umanità dietro l’apparente distacco di un carisma cosi naturalmente esibito. Generoso oltre ogni limite, semplice, concreto, capace di trovare in ognuno uno squarcio di qualità e di bellezza. Altri scrivono e scriveranno di lui narrandone il peso avuto nella crescita civile del nostro Paese. A me resta il ricordo – ormai di anni fin troppo lontani – di un uomo buono e di saggezza infinita. Non fu facile apprezzarlo per chi, come me, proveniva da una cultura politica meno trasversale e complessa. E tanti fecero fatica in quegli anni a stimarne il lavoro. Lo avevo incrociato la prima volta a Napoli a fine anni settanta. Introdurre lui e poi Vittorio Foa dal palco di una Piazza Matteotti gremita fu per me, giovane militante, una intensa e straordinaria emozione. Allora Pannella era al massimo della sua forma, giacca bianca e carisma in quel tiepido maggio in cui si celebrava il referendum, forse, sulla legge Reale. Ci ritrovammo a Roma un bel po’ di anni dopo. Ero alla segreteria nazionale di Dp e seguivo le elezioni amministrative di Roma. L’amicizia nacque così, poi i miei interventi ai congressi Radicali e tanti altri momenti. La sua è una umanità comprensiva, troppo grande per contenere una sola visione di parte. Quante volte questa sua dimensione gli ha procurato l’incolto disprezzo di rozzi settarismi incalliti. Era, invece, generoso e poetico, Marco, e ho provato gioia nel leggere ieri dei quattro detenuti che gli hanno fatto visita a casa. Lo immagino, per questo, felice come un fanciullo. E come un fanciullo ricordo la sua chiamata di quel freddo inverno del 1989. Eravamo a congresso in quel di Rimini dopo lacerazioni e scissioni. Un inverno di tristezze e di neve. Pannella, dopo avermelo promesso al telefono, viaggiò in auto tra la neve tutta la notte, per portare un saluto a una Dp ormai ridimensionata e isolata. Marco è così, per lui un re o uno straccione non fa differenza, rispetta tutti con la stessa civile indulgenza. Guardo le sue immagini di queste ore difficili, la processione laica che gli reca tributo e so che nel dolore estremo quell’uomo buono è felice. Vive in lui quel fanciullo che rimane tra le figure migliori che il discorso pubblico italiano abbia prodotto.

Previous MATTHEW LE TISSIER, QUEL NO A FERGUSON PER IL SUO SOUTHAMPTON. HIGUAIN COSA TI SEI PERSO
Next A BENEVENTO, AL TEATRO MASSIMO, UN "CONCERTO A CINQUE STELLE"

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Nomine Sanità, Moxedano:”E’ la prima volta che la Regione Campania avvia le nomine senza spartizione né lottizzazione, senza accontentare un partito o un altro”.

Linkabile ha incontrato il Consigliere Regionale Idv Francesco Moxedano, già assessore al Comune di Napoli.     Questione stadio Collana. Lei ha più volte incitato il Comune a consegnarlo alla

Officina delle idee

Appuntamento fino al 19 luglio presso l’Anfiteatro Comunale con “Pino Daniele”

Ufficializzato il cartellone della quarta edizione del “Baronissi Blues Festival” che si terrà da martedì 17 a giovedì 19 luglio 2018 presso l’Anfiteatro Comunale “Pino Daniele” di Baronissi, in provincia di Salerno. Il Baronissi Blues

Officina delle idee

Pranzo di Natale del Garante Ciambriello con i giovani reclusi del carcere di Airola e Musical.

Un’atmosfera natalizia di colori e sapori si è vissuta oggi nel carcere minorile di Airola. Un pranzo offerto dal Garante Campano dei diritti dei detenuti Samuele Ciambriello, per trascorrere una

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi