MARIO DRAGHI “LA CRISI NELL’EUROZONA È FINITA”

Secondo il presidente della Bce Mario Draghi la crisi economica è ormai un vecchio ricordo, lo ha affermato durante la sua visita nella città israeliana di Tel Aviv per ricevere la laurea ad Honorem nell’università della città omonima. Di seguito riportiamo le parole dell’esponente dell’Eurotower “La ripresa dell’area dell’euro è resistente e sempre più ampia fra i vari paesi e settori. Cinque milioni di persone hanno trovato lavoro dal 2013 e la disoccupazione, anche se ancora elevato, è a un nuovo minimo da otto anni. Solo mettendo insieme sovranità tra gli stati, l’Europa può vincere le grandi sfide: economia, sicurezza, migrazioni, difesa”. Lo stesso ha continuato dicendo “Tuttavia servono ulteriori progressi. L’architettura istituzionale dell’Unione economica e monetaria resta incompleta sotto diversi aspetti. La crisi ha messo in evidenza la debolezza strutturale della nostra costruzione e ci ha obbligato a muoverci. L’aggiustamento è iniziato con la creazione dell’unione bancaria. Ma il lavoro è lontano dall’essere esaurito e le sfide che dobbiamo affrontare vanno oltre l’Unione economica e monetaria. Riguardano sicurezza, migranti, difesa e queste sfide possono essere indirizzate solo mettendo insieme sovranità”. Durante il suo discorso, pronunciato dopo aver ricevuto la laurea, parla anche di sicurezza e di migrazione e delle presidenziali in Francia. Se l’ottimismo di Draghi sulla ripresa lascia intravedere un possibile segnale di cambio di marcia alla riunione di giugno sulle politiche della Bce, va ancora più in questa direzione la presa di posizione di Benoit Coeuré: il consigliere esecutivo della Bce, alla Reuters, ha avvertito del rischio di una “eccessiva gradualità” nel cominciare a ritirare le misure straordinarie di Francoforte.

Previous A POMPEI È STATO RUBATO UN BORCHIA RISALENTE AL IV SECOLO A.C.
Next MITI E TRADIZIONI DI NAPOLI : LA STORIA DI SANTA PATRIZIA

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Rifiuti e Fondi Ue, Cozzolino contro Caldoro. Maisto: «Paghi chi non ha programmato»

La Campania vede sfumare altri 18,5 milioni di euro di fondi di coesione destinati alla gestione dei rifiuti. La Corte di Giustizia europea si è pronunciata ieri sul ricorso presentato

Economia e Welfare

TRASPORTI, BENEDUCE (FI): “CIRCUMVESUVIANA E ANM INCUBO DEI PENDOLARI”

“A bocciare il servizio di trasporti pubblici in Campania non sono solo i turisti; dopo la pausa estiva riprenderà l’incubo dei pendolari e la situazione si presenterà nella stessa identica

Economia e Welfare

NAPOLI: UN RAGAZZO DI 23 ANNI MUORE AL PRONTO SOCCORSO, IN ATTESA DEL TRASFERIMENTO, FRANCESCO EMILIO BORRELLI: ” E’ UN FATTO GRAVISSIMO, OCCORRE FARE LUCE SULL’ACCADUTO E PUNIRE SEVERAMENTE EVENTUALI COLPEVOLI”

Un ragazzo di 23 anni,  ricoverato in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale di Napoli Loreto Mare attende 4 ore il trasferimento e muore il giorno dopo. A denunciare l’accaduto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi