Mario Grasso: «Bisogna ripartire dall’agricoltura e dalla costituzione di un piano strategico per il settore agroalimentare»

«Una nuova politica agraria unitamente ad un piano strategico per l’agricoltura e per il settore dell’ agroalimentare campano. Queste, a mio avviso, devono essere le priorità della Nuova giunta regionale».

Così si è espresso, Mario Grasso, direttoremario-grasso generale della CIA Campania, interpellato dalla nostra redazione. «Alla base della ripresa economica, – ha continuato Grasso – deve essere posto ciò che l’agricoltura rappresenta: territorio, ambiente e turismo. Solo così può finalmente ripartire la nostra regione. Senza dimenticare, poi, la semplificazione con deleghe alle imprese e lo snellimento della pubblica amministrazione, vero e proprio fardello». Grasso poi, ha ribadito come la tassa dell’Imu agricola, rappresenti un peso insopportabile per gli agricoltori ed i coltivatori campani.

«È una tassa insopportabile per i nostri agricoltori, che frena la produzione.  E quando parlo di produzione, mi riferisco soprattutto a quella ortiva. Un peso assolutamente insopportabile per il settore, che andrebbe necessariamente abolito». Ma c’è qualcos’altro che frena, secondo Grasso, l’incentivazione a fare impresa, nel settore agricolo. «Esistono diverse altre cause, che frenano soprattutto le nuove generazioni a fare impresa in questo settore. Innanzitutto, il reddito basso che si ricava dalla conduzione di un’impresa agricola. Senza dimenticare, poi, la forte burocrazia che non consente di aprire e condurre tanto facilmente un’impresa agricola. Non da ultimo, poi, la quasi l’impossibilità d’incontro tra chi vuole fare agricoltura e non proviene, però, da questo mondo». La speranza, però, è sempre l’ultima a morire.

«Non bisogna abbattersi. La ripresa è possibile. Basta solo investire risorse mirate per interventi altrettanto mirati, incentivando sopratutto l’imprenditoria giovanile. In Campania, più della metà delle imprese agricole, è gestita da pensionati. Solo attraverso un adeguato ricambio generazionale, possiamo dirci realmente soddisfatti. La Campania – ha concluso Grasso – può e deve ripartire dall’agricoltura».

 

 

Previous Emergenza disabilità in Campania
Next UN RITRATTO INEDITO DI EMANUELE SIBILLO UCCISO A FORCELLA

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

LA COMMISSIONE UE LANCIA L’ALLARME: IN ITALIA VI SONO SQUILIBRI ECCESSIVI TRA DEBITO E BASSA PRODUTTIVITA’

In Italia vi sono  “squilibri eccessivi”, tra cui alto debito e una protratta bassa produttività che comporta rischi di “implicazioni transnazionali, in un contesto di crediti deteriorati ancora elevati e

Economia e Welfare

NAPOLI : TORNANO I “PEDIATRI SALVABAMBINI “

Il progetto “ Stop agli abusi sui bambini” torna  a Napoli per continuare a promuovere una forte azione preventiva contro gli abusi sui minori. Lanciato dalla farmaceutica Menarini, ha lo scopo

Economia e Welfare

Fase 2, Confcommercio: “Serrande abbassata ancora in 27% dei bar e ristoranti”

A due settimane dall’avvio della Fase 2, delle quasi 800 mila imprese del commercio e dei servizi che sono potute ripartire, l’82% ha riaperto l’attività: il 94% nell’abbigliamento e calzature, l’86%

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi