Maturità 2019 è alle porte: le simulazioni un indizio per la scelta degli autori

 

Risultati immagini per maturitàIl giorno della prima prova di  maturità 2019 è sempre più vicina e sembri siano ritornati i classici, nonostante, la modalità d’esame sia cambiata completamente. Cambiamenti, non sempre ben digeriti dai maturandi, che il Miur ha apportato all’esame. Tra questi uno riguarda proprio l’analisi del testo della prima prova: non più una sola traccia ma due, raddoppiano quindi anche gli autori. Non è da escludere di conseguenza che la scelta ricada su due personalità appartenenti a periodi diversi: una all’800, quindi sicuramente conosciuto dagli studenti, e una del ‘900 più contemporanea. In questo modo, i maturandi avrebbero quanto meno la possibilità di scelta qualora volessero cimentarsi con la tipologia.

Giovanni Pascoli, Elsa Morante, Luigi Pirandello e Eugenio Montale. Sono gli autori proposti dal Miur per le simulazioni nazionali di prima prova degli scorsi mesi. Si tratta quindi di scrittori che possiamo definire ‘classici’, sicuramente conosciuti dagli studenti, perché studiati durante l’ultimo anno o semplicemente perché rientrano nelle più comuni letture estive. Insomma, per le simulazioni non ci sono state sorprese e questo porta a pensare che il Miur manterrà tale orientamento anche per quanto riguarda la prima prova di Maturità 2019 in programma il prossimo 19 giugno. Non solo le simulazioni, c’è anche un altro indizio che avalla questa tesi: le parole di Luca Serianni, a capo della commissione di esperti Miur incaricata di preparare le tracce della prima prova per la Maturità.

L’esimio linguista, in diversi interventi negli scorsi mesi, facendo riferimento all’analisi del testo, ha affermato che sarà possibile trovare anche le opere dagli autori di fine ‘800. Parole che possono esser lette come la volontà di invertire la rotta presa negli ultimi due anni dal Miur per la scelta degli autori della tipologia A. Salvo quindi sorprese, da mettere sempre in conto quando si parla di Maturità, è probabile che la commissione di esperti incaricata di preparare le tracce della prima prova si sia orientata proprio su scrittori di fine ‘800. Che sia l’anno di Carducci, Verga o D’annunzio? Lo scopriremo il 19 giugno!

Nel 2017 a creare non poca sorpresa tra i maturandi fu una poesia di Giorgio Caproni. Lo scorso anno, invece, a lasciare a bocca aperta gli studenti fu un estratto di un romanzo dello scrittore Giorgio Bassani. E quest’anno, la tipologia A della prima prova della Maturità 2019, quali autori riserverà ai ragazzi? Secondo il noto proverbio “Non c’è due senza tre”, i maturandi potrebbero fare i conti con scrittori non popolarissimi, almeno tra gli studenti. Ma si sa, i vecchi detti non sono certo infallibili. E forse, proprio la Maturità 2019, potrebbe esserne la dimostrazione perché, secondo un’analisi di Skuola.net, quest’anno in prima prova non ci dovrebbero essere sorprese, il condizionale ovviamente è d’obbligo.

Previous Venerdì ancora caldo torrido: fino a 40 gradi sulle isole maggiori e al Sud
Next BUCCIANO (BN), SAMUELE CIAMBRIELLO:"ANCORA UNA VOLTA, L'AMMINISTRAZIONE MATERA MANTIENE LE PROMESSE FATTE IN CAMPAGNA ELETTORALE"

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

GRAN PREMIO INTERNAZIONALE DÌ VENEZIA:SOLIDARIETÀ’, FAMIGLIA, CORAGGIO, PROFESSIONALITÀ’, TERRITORIO E CREATIVITÀ’, I MERITI DEI RICONOSCIMENTI CAMPANI IN NOMINATION PER IL LEONE D’ORO DÌ VENEZIA PER LE PROFESSIONALITÀ E IMPRENDITORIA

Diverse, le aziende premiate e in nomination per il Leone d’Oro di Venezia per l’Imprenditoria. Tra le personalità di spicco, invece, è stato scelto il napoletano Rosario Lopa, Portavoce della

Officina delle idee

MUSEO DI PIETRATARSA : LA PRIMA FABBRICA METALMECCANICA

La prima fabbrica metalmeccanica, per produttività ed estensione, era quella di Pietrarsa. Voluto da Ferdinando II, tra Portici e San Giovanni a Teduccio, a pochi chilometri da Napoli, il Reale

Officina delle idee

Festival della Memoria al MAV di Ercolano

«La memoria, dunque, come filo conduttore d’un programma teso a rendere Ercolano e il sito archeologico, un riferimento per la comprensione dell’archeologia nel rapporto tra resti e realtà, tra sviluppo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi