M’Barka Ben Taleb e Marzouk Mejri in concerto per “Tunisi canta Napoli” domani 13 gennaio alla Casina Pompeiana

Due culture, napoletana e tunisina, si incontrano per dare vita ad un concerto dalle mille sfumature. “Tunisi canta Napoli” alla Casina Pompeiana nella Villa Comunale di Chiaia domani 13 gennaio a partire dalle 2o.30. A tenere calda la serata saranno i due artisti M’Barka Ben TalebMarzouk Mejri, entrambi tunisini di nascita ma napoletani d’adozione. I due sono noti alla scena musicale napoletana per aver collaborato con diversi artisti nostrani e per il loro sound che mescola la tradizione nordafricana con quella napoletana.

La carriera artistica de “La leonessa magrebina” – così viene definita spesso dalla stampa M’Barka Ben Taleb –  è caratterizzata oltre che dalla musica anche dalla filmografia. E’ apparsa, infatti, in diverse pellicole e documentari, celebre è stata la sua apparizione nei film di John Turturro, “Passione” e “Gigolò per caso”, che tra i vari interpreti ha visto la partecipazione di Woody Allen e Sharon Stone. La cantante tunisina, tra l’altro, è anche impegnata attivamente nel sociale attraverso il collettivo musicale “Terroni Uniti” nato in seguito all’arrivo di Salvini a Napoli per manifestare il proprio dissenso dinnanzi a politiche discriminatorie. Da allora il collettivo non si è fermato, attraverso la musica i “terroni” portano avanti un messaggio di solidarietà e riscatto.

Non è da meno artisticamente l’altro polistrumentista che calcherà il palcoscenico insieme a M’Barka Ben Taleb. Marzouk Meiri è anche lui tunisino, nato a Tebourba, da circa 23 anni si è trasferito a Napoli. Amante delle tradizioni popolari, ha studiato diversi strumenti, sia a fiato che percussioni. Ma lo strumento con cui riesce meglio a incantare è la darbouka, uno strumento musicale a percussione. Ha collaborato, inoltre, con vari artisti napoletani come Peppe Barra, 99 Posse, Daniele Sepe ed Enzo Avitabile.

I due artisti non saranno soli sul palco, saranno accompagnati da Arcangelo Michele Caso al contrabbasso e Raffaele Vitiello alle chitarre. La serata non sarà caratterizzata solo dalla musica, prima del concerto, infatti,  verranno proiettate delle  foto scattate in Tunisia dal fotografo Gigi Sorrentino e ci sarà la possibilità di fermarsi per la degustazione di cous cous bio del presidio Slow Food Amazir Tebourba.

Previous Aggredita la troupe televisiva "Striscia la notizia" al parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli
Next VODAFONE LANCIA ACTION FOR 5G: IL PRIMO BANDO DEDICATO ALLE STARTUP GIOVANI

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Museo MADRE: l’Atlante dell’Arte Contemporanea a Napoli e in Campania

Oggi 18 aprile ,alle ore 18:00,  presso la Re_PUBBLICA MADRE, pianoTerra, al museo MADRE di Napoli sarà presentato l’Atlante dell’ArteContemporanea a Napoli e in Campania 1966-2016 (Electa, 2017), a cura

Cultura

PARTORIRE CON L’ARTE… OVVERO L’ARTE DI PARTORIRE

Quarto appuntamento al museo MADRE con PARTORIRE CON L’ARTE ovvero L’ARTE DI PARTORIRE, un corso di preludio al parto innovativo, interdisciplinare e gratuito che si articola in sei incontri settimanali ed è rivolto alle future

Cultura

A POGGIOREALE, LA CULTURA È LA CHIAVE DI VOLTA PER UN FUTURO MIGLIORE

Lo scorso Martedì, 26 Gennaio, i Volontari dell’Associazione “La Mansarda” hanno dato inizio ad una delle attività proposte ed organizzate da Samuele Cambriello: La Lettura Libera. I volontari ed il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi