Messico, i narcos fanno strage di mormoni statunitensi: donne e neonati uccisi e bruciati vivi

Nove mormoni statunitensi, tra cui quattro bambini e due gemelli di sei mesi, con le loro madri, sono stati uccisi in Messico in un’imboscata. Sono stati crivellati da colpi da arma da fuoco, alcuni di loro sono stati anche bruciati vivi. La polizia ritiene che la strage sia opera dei cartelli della droga. Le vittime viaggiavano in auto quando sono state colte in un’imboscata da uomini armati. Otto i sopravvissuti, cinque dei quali feriti.

Il massacro è avvenuto a Rancho de la Mora, al confine tra gli Stati di Chihuahua e Sonora, vicino alla frontiera con gli Stati Uniti, in una zona infestata da trafficanti di droga e banditi di ogni genere. A perdere la vita sono stati cinque membri di una famiglia e quattro di un’altra. Secondo i media internazionali, alcune vittime sarebbero state violentate.

Secondo quanto riferito da uno dei leader della comunità e cugino di una delle vittime, Julian Lebaron, il gruppo si stava dirigendo verso il confine americano per andare a prendere un parente all’aeroporto di Phoenix, negli Stati Uniti, quando uomini armati hanno teso un’imboscata.

I mormoni viaggiavano in un convoglio di vari automezzi. Dentro uno di questi sono stati trovati i corpi di una madre e dei suoi quattro figli con i corpi crivellati di proiettili. Altre due auto sono state ritrovate a una certa distanza alcune ore dopo; al loro interno i cadaveri di altre due donne e due bambini. Altri cinque o sei bambini sarebbero riusciti a fuggire e tornare a casa, ma altre persone, tra cui una ragazza fuggita nel bosco per nascondersi, sono tuttora dispersi.

I governi di Chihuahua e Sonora hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che è stata avviata un’indagine e che ulteriori forze di sicurezza sono state inviate nell’area. Il fratello di Julian Lebaron, Benjamin Lebaron, che aveva fondato un gruppo di lotta al crimine chiamato SOS Chihuahua, era stato assassinato nel 2009. La comunità colpita è formata da discendenti di mormoni che fuggirono dagli Stati Uniti nel diciannovesimo secolo per sfuggire alla repressione della poligamia, praticata nella loro religione. Molti mormoni in Messico godono della doppia cittadinanza messicana e americana.

Previous NAPOLI – SALISBURGO, OCCHIO ALLA CHAMPIONS: VIETATO SBAGLIARE
Next Napoli, villa Floridiana: sabato 9 novembre, flash mob contro il degrado

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Beneduce tra le prime regioni ad elaborare un testo organico sull’autismo

“La Campania e’ tra le prime regioni ad elaborare un testo sull’autismo”. “Ho presentato la proposta di legge a settembre del 2015 e in tutti questi mesi ho avuto modo

Economia e Welfare

CAMPANIA, PALMIERI:” DEMA S.P.A DI SOMMA VESUVIANA DOPO LUNGHE DIFFICOLTA’ SEMBRA STIA RICOSTRUENDO UN’IMMAGINE SOLIDA PER AFFRONTARE NUOVI MERCATI E LE NUOVE SFIDE INDUSTRIALI”

L’azienda DEMA S.p.A. di Somma Vesuviana, dopo un lungo periodo di difficoltà, sembra stia riavendo pian piano un’immagine solida, per affrontare i nuovi mercati e le nuove sfide industriali. Così

Economia e Welfare

OGGI NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO CON L’ASS.LA MANSARDA INCONTRO CON GLI AUTORI DI LIBRI.

Oggi,17 marzo, presso il carcere di Secondigliano,alle ore 14,30, proseguiranno gli incontri tra detenuti e scrittori previsti dal progetto “La lettura libera”, portato avanti dall’Associazione “La Mansarda” di Samuele Ciambriello. 

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi