“Mi sento in bilico perenne. Percepisco 799 euro di pensione. 600 sono destinati alla persona che si prende cura di me notte e giorno. Una spesa indispensabile per le mie condizioni”.

Un televisore, un pc, una radio, un grosso quadro che raffigura la Madonna appeso alla parete. Tanti macchinari, medicine e lui:  immobile in un letto da più di dieci anni.  L’esistenza di Francesco Borriello, cinquantaquatrenne di Rione Trieste,  ex agente di commercio, è tutta racchiusa tra le  mura di una camera da letto. Qui, ogni giorno, si divide tra una condanna e una battaglia che porta il nome di sclerosi multipla. Francesco racconta la sua storia di disperazione con un grosso sorriso sulle labbra, mentre la macchina che lo collega all’ossigeno e alla vita gli impone delle pause, e la sua badante Elena gli sistema di tanto in tanto il cuscino con delicatezza. E’ un uomo ostinato, determinato e dove non arrivano le sue gambe arriva la sua voce di protesta. Già, perché Francesco vive una situazione economica di profondo disagio che lo costringe ogni fine mese a destreggiarsi tra conti che non tornano e la malattia che prende sempre un po’ di più, con la necessità di un’assistenza continua e particolare. «Mi sento- dichiara- in bilico perenne. Percepisco 799 euro di pensione. 600 sono destinati alla persona che si prende cura di me notte e giorno. Una spesa indispensabile per le mie condizioni. Amici e parenti provvedono al pagamento dell’affitto. Vivo con 199 euro al mese che divido tra bollette e sostentamento.  A volte ho come l’impressione di dover scegliere: vivere o morire. Subito».

LA DENUNCIA- Tra collette e solidarietà, Francesco rivendica diritti e giustizia. E mentre tutto gli scorre davanti con difficoltà, lotta.  Da un cassetto spuntano delle cartelle ordinate e schedate, ognuna è rinominata con ordine “ lettere del Comune”, “lettere  della Regione”, “lettere dei Presidenti della Repubblica”. Sono tutte le risposte pervenutegli a seguito di richieste legittime di aiuto. Dal 2011 al 2015 un susseguirsi di parole accompagna “il suo appello non resterà inascoltato, la saluto cordialmente”. « Non chiedo grandi cose,- ripete Francesco con rabbia- vorrei essere aiutato, preso in considerazione. Vorrei non dover preoccuparmi dei soldi mentre sono inchiodato a un letto, vorrei che le istituzioni si accorgessero di me e di chi vive il mio stesso dramma. Vorrei che le stesse provvedessero con aiuti concreti e contributi economici. Vorrei non dover avere l’ansia che una bolletta non pagata possa decidere il mio destino e staccare la spina».

“Non lasciatemi solo” è la richiesta di Francesco. Intanto spera  nell’inserimento in un istituto attrezzato che possa ridargli un po’ di serenità mentre si fa sempre più sentire la solitudine che rende tutto più complicato e buio, anche per uno forte come lui che non si è arreso mai e che, come spesso ripete, tra pugni e denti stretti  “chiude gli occhi per vedere e sognare”.

Previous Cronaca di una fuga annunciata
Next Bagni:"Il Napoli è una squadra da 4-3-3"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

San Giorgio a Cremano, prima città d’Italia ad intitolare una piazza a Carlo di Borbone

Cambio di denominazione dell’attuale piazza sede del municipio. La giunta presieduta dal sindaco Giorgio Zinno, su proposta dell’assessore alla Toponomastica, Pietro De Martino, approva un atto con il quale l’attuale

Approfondimenti

Un farmaco per la cura della sclerosi multipla passa la prima fase dei test

La sclerosi multipla chiamata anche sclerosi a placche, sclerosi disseminata o polisclerosi, è una malattia degenerativa autoimmune cronica demielinizzante, che colpisce il sistema nervoso centrale causando un ampio spettro di

Approfondimenti

Giovani e alcol: lo sballo del sabato può dare dipendenza

  La parola alcol nelle cronache compare quasi ogni giorno. Solo guardando gli ultimi c’è la chiusura di un locale che vendeva cocktail con superalcolici a minorenni nel centro di Firenze. A Ferrara un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi