“Mi sento in bilico perenne. Percepisco 799 euro di pensione. 600 sono destinati alla persona che si prende cura di me notte e giorno. Una spesa indispensabile per le mie condizioni”.

Un televisore, un pc, una radio, un grosso quadro che raffigura la Madonna appeso alla parete. Tanti macchinari, medicine e lui:  immobile in un letto da più di dieci anni.  L’esistenza di Francesco Borriello, cinquantaquatrenne di Rione Trieste,  ex agente di commercio, è tutta racchiusa tra le  mura di una camera da letto. Qui, ogni giorno, si divide tra una condanna e una battaglia che porta il nome di sclerosi multipla. Francesco racconta la sua storia di disperazione con un grosso sorriso sulle labbra, mentre la macchina che lo collega all’ossigeno e alla vita gli impone delle pause, e la sua badante Elena gli sistema di tanto in tanto il cuscino con delicatezza. E’ un uomo ostinato, determinato e dove non arrivano le sue gambe arriva la sua voce di protesta. Già, perché Francesco vive una situazione economica di profondo disagio che lo costringe ogni fine mese a destreggiarsi tra conti che non tornano e la malattia che prende sempre un po’ di più, con la necessità di un’assistenza continua e particolare. «Mi sento- dichiara- in bilico perenne. Percepisco 799 euro di pensione. 600 sono destinati alla persona che si prende cura di me notte e giorno. Una spesa indispensabile per le mie condizioni. Amici e parenti provvedono al pagamento dell’affitto. Vivo con 199 euro al mese che divido tra bollette e sostentamento.  A volte ho come l’impressione di dover scegliere: vivere o morire. Subito».

LA DENUNCIA- Tra collette e solidarietà, Francesco rivendica diritti e giustizia. E mentre tutto gli scorre davanti con difficoltà, lotta.  Da un cassetto spuntano delle cartelle ordinate e schedate, ognuna è rinominata con ordine “ lettere del Comune”, “lettere  della Regione”, “lettere dei Presidenti della Repubblica”. Sono tutte le risposte pervenutegli a seguito di richieste legittime di aiuto. Dal 2011 al 2015 un susseguirsi di parole accompagna “il suo appello non resterà inascoltato, la saluto cordialmente”. « Non chiedo grandi cose,- ripete Francesco con rabbia- vorrei essere aiutato, preso in considerazione. Vorrei non dover preoccuparmi dei soldi mentre sono inchiodato a un letto, vorrei che le istituzioni si accorgessero di me e di chi vive il mio stesso dramma. Vorrei che le stesse provvedessero con aiuti concreti e contributi economici. Vorrei non dover avere l’ansia che una bolletta non pagata possa decidere il mio destino e staccare la spina».

“Non lasciatemi solo” è la richiesta di Francesco. Intanto spera  nell’inserimento in un istituto attrezzato che possa ridargli un po’ di serenità mentre si fa sempre più sentire la solitudine che rende tutto più complicato e buio, anche per uno forte come lui che non si è arreso mai e che, come spesso ripete, tra pugni e denti stretti  “chiude gli occhi per vedere e sognare”.

Previous Cronaca di una fuga annunciata
Next Bagni:"Il Napoli è una squadra da 4-3-3"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Diaconato femminile: un fiume carsico che emerge. Di Anna Carfora

di Anna Carfora Tratto da: Adista Segni Nuovi Il proposito formulato da papa Francesco di prendere in considerazione la possibilità del diaconato femminile è risuonato sui mezzi di comunicazione di massa

Approfondimenti

NAPOLI , ARRIVA IL “MONOPOLY NAPOLETANO”: SCELTA LA PRIMA CASELLA DEL GIOCO!

Aumenta l’attesa  in Campania per uno dei giochi di maggior tradizione italiana : il Monopoly! Infatti ,il 11 Novembre verrà messo in commercio l’edizione dedicata a Napoli. È la prima

Approfondimenti

Nella buona scuola poco spazio per PAS, TFA e ATA

Annunciato come riforma, declassato a linee guida, il piano ‘La buona scuola’ targato Renzi-Giannini è un primo passo verso la stabilizzazione di 148.100 docenti precari della scuola dal 1° settembre

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi