MICHELA ROSTAN:” IL DIRITTO AL LAVORO, UNITI PER DIFENDERLO.RILANCIARE OCCUPAZIONE E SVILUPPO”

Cinquemila operai di tutti i distretti industriali campani hanno manifestato giovedì a Napoli per chiedere lavoro, sicurezza sociale, sviluppo e futuro. Un grande corteo, capeggiato dai lavoratori Whirlpool, che ha mostrato il volto di un territorio che non chiede assistenzialismo e sussidi ma occupazione, produzione, dignità.
A questa marea di operai, la politica deve saper rispondere ritrovando il suo primato, anche su quella economia, spesso finanziaria, spesso parassitaria, che negli ultimi anni detta legge e stabilisce da sola i destini delle persone.
La vicenda Whirlpool, in questo senso, appare emblematica: una multinazionale americana arriva, firma accordi, garantisce investimenti e poi decide di andarsene, di delocalizzare in territori dove la soglia dei diritti si abbassa, e quindi si abbassano i costi produttivi e crescono i profitti.
Se un atto del genere viene concesso a un’azienda, sarà come concederlo a tutti. L’operazione va chiaramente bloccata.
L’annuncio del ritiro della procedura di cessione dello stabilimento di Napoli, nell’ultimo giorno utile, è stato un primo passo fondamentale. Consente di non vedere i licenziamenti e di avere più spazio per ragionare, per riaprire una trattativa. Ma l’obiettivo di questa è salvare produzione e lavoro.  I 400 posti di lavoro più l’indotto devono essere tutelati. Non bisogna abbassare la guardia. La multinazionale conserva il suo progetto di andare via e intende probabilmente solo far scendere la pressione, che invece i lavoratori sono stati bravissimi a tenere alta e sveglia. Bisogna continuare. Occorre un Piano economico che rilanci la produzione dello stabilimento garantendo un futuro agli operai fatto di certezze e non di chiacchiere.
La compattezza tra lavoratori, istituzioni e cittadini, vista durante lo sciopero dello scorso 31 ottobre, è stata arma fondamentale.
Ricordiamoci, poi, che non c’è solo Whirlpool: personalmente mi sono occupata di altre vertenze importanti, come Jabil, come Comdata, come le catene della grande distribuzione commerciale: tra cassa integrazione, contratti solidali, precarietà diffusa, anche quei posti di lavoro appaiono sotto minaccia. Va aperta una vertenza complessiva di carattere regionale per rilanciare occupazione e sviluppo. E il compito spetta innanzitutto al governo, che deve essere capace di guidare i processi invece che di subirli, come troppo spesso è accaduto.

Michela Rostan

Previous Leonardo DiCaprio e Greta Thunberg: la star di Hollywood e la ragazzina che ha sfiorato il Nobel per la Pace: "Insieme per il clima"
Next Cile, monta la protesta a sfilare per le strade di Santiago migliaia di donne contro la repressione del governo Piñera.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

INTERVISTA A SALVATORE BORSELLINO: “LA CASA DI PAOLO: CHE SIA PUNTO D’INCONTRO E DI CRESCITA PER I GIOVANI A RISCHIO”.

«Qui si può trovare l’amore di  Paolo, quell’amore che ha improntato la sua vita e anche la sua scelta di morire. Morire per uno Stato che lo stava tradendo». Salvatore

Officina delle idee

La TRAP, Sfera Ebbasta e la loro influenza sui giovani.

E’ il momento della TRAP. Ma esattamente di cosa parliamo? Cos’è questa TRAP che sta letteralmente invadendo la vita delle nuove generazioni? La TRAP nasce negli anni 90’ nel sud

Officina delle idee

VERDUCCI(PD):”LE RAGIONI DEL SI AL REFERENDUM SONO MOLTO FORTI E SOLIDE.”

La riforma costituzionale risponde innanzitutto alle aspettative di grande parte dei cittadini, che chiedono istituzioni finalmente capaci di ripensarsi, rimettersi in gioco, non chiudersi né sclerotizzarsi. Viviamo da troppo tempo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi