Migranti, un parto in mezzo al mare: bimba congolese nasce su nave italiana

Anche se oggi il Mediterraneo è un mare di morte, non si ferma la vita! Una nave militare è oggi sulla strada verso l’Italia con due passeggeri supplementari, una bambina che è nata durante la notte e un corpo trovato in mare. Lo rendono noto fonti ufficiali della Guardia Costiera. La neo mamma si trovava insieme ad un gruppo di 300 persone recuperate da due gommoni nel Mediterraneo. I genitori congolesi sono stati salvati in mare da una nave della marina irlandese, ma sono stati subito trasferiti sulla nave Bettica della Marina Militare Italiana quando la madre è andata in travaglio. La piccola Joy Aurora è nata poco dopo le 5 del mattino, nel reparto medico della nave, dove questa estate sono nati anche altri due bambini: François Manuel il 27 giugno e Manuela 5 luglio. Il parto si è svolto senza problemi e mamma e bambina stanno bene. La nave Bettica che trasporta la bambina e i suoi genitori è diretta al porto di Augusta in Sicilia orientale.

Previous PAPA FRANCESCO:"Cari giovani - ha detto Bergoglio - noi non siamo venuti al mondo per vegetare, per passarcela comodamente. Siamo venuti per lasciare un'impronta"
Next La Gilda degli insegnanti di Benevento sui trasferimenti: "Non c'è alcuna trasparenza"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

REGIONE CAMPANIA: IN ARRIVO 149 MILIONI DI EURO PER GLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Tramite  il secondo riparto di risorse del fondo nazionale per il finanziamento degli interventi in edilizia scolastica, il Ministero dell’Istruzione ha distribuito un miliardo di euro alla Regione Campania .

Economia e Welfare

DOMANI IN MARCIA UN POPOLO IN CAMMINO:CONTRO LE CAMORRE E PER LA GIUSTIZIA SOCIALE.

Diciamo no alle camorre, alla violenza e allo sfruttamento. Allo sfruttamento del territorio imposto dalle ecomafie, alla camorra che cerca di spartirsi i nostri quartieri, e chiediamo con forza risposte

Economia e Welfare

Bambinisenzasbarre: Figli di genitori detenuti. Un approccio integrato per il mantenimento della relazione genitoriale a beneficio dell’intera società

L’Italia è stata scelta come sede della Conferenza annuale paneuropea di COPE (Children of Prisoners Europe) co-organizzata da Bambinisenzasbarre Onlus membro italiano di Cope e del suo direttivo. La città

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi