MITI DI NAPOLI: STORIA DELL’ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI DI NAPOLI, DOVE HANNO STUDIATI TUTTI I PIU’ GRANDI ARTISTI DEL SUD

L’Accademia di Belle Arti di Napoli,  fu ufficialmente inaugurata nel 1752, col nome di “Reali Accademie del disegno e del nudo”, ed inserita all’interno del complesso conventuale di San Giovanni delle Monache. Tuttavia, in seguito, ovvero un secolo dopo,  la sede diventò il Regio Palazzo degli Studi, la struttura che oggi ospita il Museo Archeologico Nazionale. Infine, l’accademia arrivò nelle struttura attuale di via Santa Maria di Costantinopoli . L’istituzione si ritrova nella stessa zona del Museo Archeologico, del Teatro Bellini, del Conservatorio e di Port’Alba creando naturalmente un circolo artistico. Ma intanto, l’accademia fu eternamente segnata dal regime fascista e dalla guerra: i bombardamenti, infatti,  provocarono ingenti danni all’’intera struttura e, anche dopo il restauro e la riapertura, l’istituzione era ancora dannatamente influenzata dalla riforma scolastica Gentile, riforma che investi  l’Italia appena emersa  dalla dittatura, subita. Si arriva al 1968, con i moti sessantottini, la scuola venne chiusa per quasi un ventennio. Dopo,  negli anni ottanta, la scuola  ritornò in funzione come punto saldo e motore propulsore dell’intera produzione artistica del Mediterraneo.

La maggior parte degli artisti del Sud Italia ha studiato nell’ accademia napoletana ed i busti che adornano la facciata principale dell’edificio ne raffigurano gli esponenti principali. L’Accademia di Belle Arti custodisce anche  una Galleria di inestimabile valore che comprende opere che vanno dal ‘500 al ‘900,  collezionata a scopo educativo, di modo che gli aspiranti artisti avessero qualcosa da cui apprendere sempre a portata di mano, dai quali imparare e ricevere l’ ispirazione. La collezione, inoltre, conta 227 opere donate nel 1897 dal pittore napoletano Filippo Palizzi. Un patrimonio magnifico, che riesce a racchiudere nel proprio cuore pulsante tutta l’intera storia dell’arte napoletana nel mondo.

Previous Migranti in piscina, prete stringe la mano ad esponenti Fn. Fuori da chiesa urla: 'Fuori i fascisti'. Don Massimo:"Gesù non fa l'esame del sangue e le porte della Chiesa sono sempre aperte."
Next FORMULA UNO , GRAN PREMIO DEL BELGIO : TRIONFO DI HAMILTON .SECONDO POSTO PER VETTEL.

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Medicina: a rischio salute i figli di donne obese

I figli nati da donne obese hanno un rischio del 50% maggiore di finire in ospedale nei primi cinque anni di vita, per cause che vanno da infezioni a disturbi

Approfondimenti

Coronavirus, Google e Facebook fermano le pubblicità delle mascherine

Google segue le orme di Facebook e mette temporaneamente al bando tutti gli annunci pubblicitari relativi alle mascherine per uso medico, che sono proliferati online – spesso con prezzi esorbitanti

Approfondimenti

Twitter, stretta sui troll

Continua la stretta di Twitter questa volta e’ sui troll. In particolare quelli che infestano Periscope, la sua app per le dirette streaming. A partire dal 10 agosto, infatti,  applicherà

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi