MITI E TRADIZIONI DI NAPOLI : LA STORIA DI SANTA PATRIZIA

Santa Patrizia di Costantinopoli è la compatrona di Napoli che viene festeggiata ogni 25 agosto. Ella nacque a Costantinopoli nel 350 d.C. e fin da giovane fece voto di verginità. Purtroppo la sua famiglia le impose il matrimonio, ma per non infrangere il suo voto Patrizia, accompagnata dalla sua nutrice Aglaia, fuggì a Roma dove Papa Liberio la diede ufficialmente in sposa a Cristo. Quando morì il padre la giovane fece ritorno in patria, e decise di donare ogni bene ai poveri rinunciando così alle ricchezze imperiali. Patrizia decise poi di partire per la Terra Santa, ma durante il viaggio si scatenò una tempesta tanto violenta che la nave su cui viaggiava fu costretta a trovare rifugio a Napoli. La giovane trovò ospitalità presso il Monastero dei Monaci Basiliani, tuttavia morì dopo qualche mese a seguito di una malattia. Patrizia venne successivamente proclamata Santa e la chiesa situata in vico Armanni venne ben presto riconosciuta dal popolo come la chiesa di Santa Patrizia. Nel 1864 il convento delle Patriziane venne chiuso e le monache, i resti della Santa e il sangue sacro vennero trasferiti nel monastero di San Gregorio Armeno, dove tutt’oggi le Suore Crocifisse adoratrici dell’eucarestia custodiscono un’urna d’oro e d’argento ornata di preziose gemme, che conserva le spoglie rivestite in cera di Santa Patrizia. Le fonti sulla vita di santa Patrizia sono perlopiù scarse e leggendarie. Una leggenda narra che un cavaliere romano per devozione strappò un molare alla Santa morta da qualche secolo che sanguinò come se fosse ancora in vita. Quel sangue venne conservato in due ampolle ed ogni 25 agosto, così come ogni martedì, proprio come quello di San Gennaro anche per il sangue di Santa Patrizia dal secolo XVII avviene il prodigio della liquefazione. Secondo il folkole popolare, Santa Patrizia è inoltre venerata da tutte le ragazze in cerca di marito

Previous MARIO DRAGHI "LA CRISI NELL'EUROZONA È FINITA"
Next Napoli, a breve l'Ufficialità del rinnovo di Dries Mertens!

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE DI NAPOLI, LA PRESENTAZIONE DI “LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI, 1864/2014: CENTOCINQUANTANNI DI STORIA”, A CURA DI GIANCARLO LACERENZA

Giovedì 3 marzo dalle 11,  presso la Biblioteca Nazionale di Napoli (Sala Rari), ci sarà la  presentazione del volume “La Comunità Ebraica di Napoli, 1864/2014: centocinquant’anni di storia” a cura

Approfondimenti

APPLE STA CENSURANDO DAL SUO NEGOZIO LE APP POPOLARI IN IRAN, LA DECISIONE E’ IMPOSTA DALL’EMBARGO CHE VIETA RAPPORTI COMMERCIALI

Apple sta eliminando dal suo store di applicazioni  le app popolari in Iran. La causa, è data dalle  sanzioni imposte dagli Stati Uniti, che vietano i rapporti commerciali con il

Approfondimenti

IL WWF LANCIA IL PROPRIO SLOGAN IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI: ” VOTA IL LUPO, ABBIAMO FERMATO L’ABBATTIMENTO DEL LUPO. ORA PROMUOVIAMO LA VERA CONVIVENZA”

“Visto che la politica continua ad essere distratta rispetto alle tematiche ambientali ci rivolgeremo direttamente ai cittadini con una campagna di sensibilizzazione elettorale da parte della Natura“. Così  si è

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi