Morta dopo parto nel Napoletano, visita degli ispettori del ministero della Salute

All’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania, nel Napoletano, visita degli ispettori della commissione ministeriale e dei carabinieri del Nas per raccogliere informazioni, tra l’altro, circa la morte di una donna, avvenuta una settimana fa, sopraggiunta dopo avere partorito una bimba che sta bene. Sulla vicenda sono in corso accertamenti anche da parte dell’autorità giudiziaria.  La visita degli ispettori del Ministero della Salute, come precisa una nota dell’Asl Napoli 2 Nord, è stata concordata con gli uffici regionali, con la Direzione dell’Asl Napoli 2 Nord, con la Direzione Sanitaria del San Giuliano.

“La missione dei tecnici del Ministero – precisa la nota – fa seguito alle indagini interne già avviate dal sistema ispettivo dell’Asl Napoli 2 Nord, successivamente al decesso di una donna avvenuto alcune ore dopo il parto, lo scorso 29 settembre. L’Asl, infatti, già dalle prime ore successive al decesso, ha attivato i servizi ispettivi interni”.
“A Giugliano – sottolinea l’Asl – il reparto di Ginecologia ed Ostetricia è stato fortemente rinnovato grazie all’arrivo di nuovo personale, all’acquisto di nuove tecnologie e alla ristrutturazione delle stanze di degenza, del nido e delle sale travaglio. Lo scorso anno al San Giuliano sono nati oltre 750 bambini, di cui 555 da donne alla prima gravidanza. Il reparto si è segnalato tra quelli che in Campania hanno effettuato il minor numero di parti cesarei su donne alla prima gravidanza con una percentuale del 24,32%”.

Previous Il taglio dei parlamentari diventa legge, alla Camera 553 sì
Next Immobile: "Magari faccio un’altra sfuriata con Inzaghi, così segno altri quattro gol"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

ROSTAN(ARTICOLO UNO):”UNITI A SINISTRA CON IDEE CHIARE,PIU’ RADICAMENTO TERRITORIALE,MENO LAEDERISMI E PIU’ COMUNITA’.”

L’incontro a Roma tra Campo progressista di Giuliano Pisapia e Articolo Uno Movimento democratico progressista è una ottima notizia, soprattutto alla luce dell’accordo siglato e della decisione di rendere operativo

Qui ed ora

“Sentinelle ambientali”: l’idea per salvare La Terra dei Fuochi

«Negli ultimi 20 mesi ci sono stati circa 6000 roghi. Sai quante persone sono state arrestate in flagranza di reato? Solo 3». La risposta di Angelo Ferrillo è sconcertante. Ancor

Qui ed ora

LE MUNICIPALITÀ TRA RIFONDAZIONE ED ABOLIZIONI

La realizzazione delle Aree Metropolitane deve essere considerata una opportunità – sull’esempio della riforma del federalismo tedesco effettuato in un’ottica di omogeneizzazione dei servizi e strutture per i cittadini –

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi