Morto Oliver Sacks, lo scrittore e neurologo stroncato da un cancro

E’ morto a New York all’età di 82 anni il famoso neurologo e scrittore britannico Oliver Sacks. Lo scrive il New York Times online citando Kate Edgar, la sua assistente. Sacks, come lui stesso aveva annunciato a febbraio in un editoriale sul Nyt, era affetto da un cancro che lo aveva colpito al fegato. Tra i suoi più famosi libri “Risvegli”, uscito nel 1973, e “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”, nel 1985.

Proprio da “Risvegli” venne tratto un film interpretato da Robin Williams e Robert De Niro. Sacks era molto noto anche in Italia: 12 suoi titoli sono usciti dalla fine degli anni Ottanta a oggi. L’ultimo, pubblicato quest’anno, è “Diario di Oaxaca”. Collaborava con la “Repubblica” e il suo ultimo intervento era stato dedicato al suo coming out.

“Non penso alla vecchiaia come a un epoca più triste da sopportare ma un tempo di piacere e libertà: libertà dalle fastidiose urgenze di giorni precedenti, libertà di esplorare i miei desideri e di legare assieme pensieri e sentimenti di una vita”. Così l’autore di “L’uomo che scambiò la moglie per un cappello” (fu il suo primo bestseller) e da ultimo “Allucinazioni”, aveva parlato il giorno del suo ottantesimo compleanno, il 9 luglio 2013. Il suo “Elogio della Vecchiaia (Non sto scherzando)” era apparso il 7 luglio sulla pagina delle opinioni del New York Times. “Ottanta! Non riesco a crederci”, scrive Sacks: “Spesso mi sembra che la vita sia appena cominciata e subito mi accorgo che sta per finire”.

Non è per giovanilismo che il neurologo si sente giovane, ma perché è cresciuto così fin da ragazzo: sua madre era la sedicesima di 18 figli, lui l’ultimo di quattro. “Sono sempre stato il più giovane nella mia classe al liceo e questa sensazione, di essere il più giovane, mi è rimasta anche se adesso sono quasi la persona più vecchia tra le mie conoscenze”.

La realtà è che, a dispetto di una serie disparata di problemi medici e chirurgici che includevano un cancro allora superato, gravi problemi di vista e alle ossa, Sacks scriveva di essere “felice di essere vivo”. Felice “di aver provato tante cose – alcune meravigliose, altre orribili – di aver saputo scrivere decine di libri e di aver ricevuto innumerevoli lettere da amici, colleghi e lettori. Di aver goduto quella che Nathaniel Hawthorne aveva definito ‘una comunione col mondo’“.

Pochi i suoi rimpianti: “Aver perso tanto tempo. Essere ancora terribilmente timido come ero a 20 anni. Non parlare altro che la mia lingua madre. Non aver viaggiato e conosciuto altre culture come avrei voluto”. Ma il bilancio è quello di una vita ben vissuta e pronta ad essere vissuta ancora per anni: “Spero di completare la mia vita”, scriveva il neurologo. E che alcuni dei suoi libri “continuino a parlare ancora” dopo la sua morte. Di qui la bellezza degli 80 anni: “Uno può ancora guardare lontano e avere un vivido, vissuto senso della storia impossibile quando si è più giovani. Posso immaginare, sentire nelle mie ossa, il significato di un secolo. Non avrei mai potuto farlo a 40 o 60 anni”.

 

Previous “Le radici di Mezzo”, ancora in viaggio per Terrenet...
Next La storia di Raffaele Viviani in sei puntate

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Ritorna il Pompei Extra Moenia Festival

La grande musica torna protagonista a Pompei. Dopo le entusiasmanti esperienze live di artisti inconici come David Gilmour e Elton John la città degli scavi fa, di nuovo, da cornice

Cultura

NICOLO’ FABI, il 21 MAGGIO AL TEATRO AUGUSTEO

Sabato 21 Maggio al Teatro Augusteo di Napoli, un evento imperdibile per gli amanti della buona musica, il cantautore Nicolo Fabi si esibira’ insieme alla sua band per la presentazione

Cultura

Cinema Letteratura e Diritto, Giovani e Lavoro nell’era del precariato

Dopo “Smetto quando voglio” e “Le cose belle” martedì 1 Dicembre, presso il Convento di Santa Lucia al Monte dell’Università Suor Orsola Benincasa, si completerà con“Tutta la vita davanti” di Paolo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi