Mostra ‘Ottocento’ tra Hayez e Segantini

Dal genere storico alla rappresentazione della vita moderna, dall’arte di denuncia sociale al ritratto, al paesaggio: sono i percorsi ricostruiti nelle dieci sezioni della mostra ‘Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini’, a cura di Francesco Mazzocca e Francesco Leone, circa duecento opere che i Musei di San Domenico di Forlì ospitano fino al 16 giugno. Un racconto – promosso dalla Fondazione Cassa dei Risparmi forlivese – affidato soprattutto a opere di grande formato che propongono temi di impatto popolare e dal significato universale, risolti nel cortocircuito visivo di capolavori indimenticabili. Oggetto dell’indagine sono anni esaltanti e tormentati – tra l’ultima fase del Romanticismo e le sperimentazioni artistiche del nuovo secolo, tra l’Unità d’Italia e la Grande Guerra – che hanno visto intellettuali e artisti impegnarsi sul fronte comune della nascita di una nuova coscienza unitaria, di una identità nazionale che rispecchiasse l’avvenuta unificazione politica del paese.
La varietà dei linguaggi con cui sono stati rappresentati consentono di ripercorrere un periodo di grandi trasformazioni della visione, dal tramonto del Romanticismo all’affermazione di Purismo e Realismo, dall’Eclettismo storicista al Simbolismo, dalla ‘rivoluzione’ dei Macchiaioli alle sperimentazioni estreme dei Divisionisti. Emergono con i loro capolavori protagonisti di quei tormentati decenni: pittori come Hayez, Maccari, Fattori, Signorini, Segantini, Lega, Zandomeneghi, Boldini, Balla, Boccioni e scultori come Vela, Cecioni, Monteverde, Gemito, Bistolfi. Ma è anche l’occasione per far conoscere al grande pubblico tanti altri artisti oggi ingiustamente trascurati o dimenticati.
In un percorso coinvolgente, anche per la particolarità e la qualità dell’allestimento, la scena cambia continuamente riservando al visitatore non poche sorprese, nell’incontro inatteso e ravvicinato con un Ottocento mai visto. Dai capolavori dell’ ultimo dei Romantici, Hayez, interprete degli slanci della giovinezza, di una bellezza senza tempo e delle passioni del Medioevo, si passa alla potenza visionaria del teatrale ‘Otello’ di Molmenti, del finalmente visibile ‘Valentino a Capua’ di Previati, un immenso dipinto leggendario come le epiche battaglie risorgimentali evocate dai lombardi Induno e Faruffini e dal meridionale Cammarano, presente con un quadro entrato nell’immaginario degli italiani come la travolgente ‘Breccia di Porta Pia’.

Previous Frane, Pedicini (M5S): "Commissione europea conferma la gravità della situazione ma non fa abbastanza".
Next DE MAGISTRIS A CANALE 21: “SE ZINGARETTI SCARICA DE LUCA, PRONTO AL DIALOGO PER LE REGIONALI”

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Un prezioso libro di Achille della Ragione

Scritti sulla pittura del Seicento e Settecento napoletano” II tomo, raccoglie una serie di articoli pubblicati dall’autore nel 2016 su riviste cartacee e telematiche. Si tratta in prevalenza di contributi

Cultura

“La voce delle cose”, la poesia come testo di resistenza

“Il mondo degli oggetti negli ultimi vent’anni è radicalmente mutato. Si è progressivamente smaterializzato. Molti di quegli oggetti “persi” portavano con sé una ritualità (…) pensiamo solo alle foto di

Cultura

GIFFONI FILM FESTIVAL 47a EDIZIONE, LUNEDÌ 22 MAGGIO IL DIRETTORE CLAUDIO GUBITOSI PRESENTA LE PRIME NOVITÀ DEL 2017

Saranno presentate lunedì prossimo, 22 maggio, leprime, attesissime, novità della 47esima edizione del Giffoni Film Festival, in programma dal 14 al 22 luglio 2017.  L’incontro, aperto alla stampa, avrà luogo alle ore 10.30 nell’Aula

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi