MOVIMENTO AFRICA MISSION:VIENI E VEDI. LE TESTIMONIANZE

Sono tornati da pochi giorni i giovani del primo gruppo (Piacenza e Fabriano). Adesso è la volta di Mede e Bucciano, in Uganda da dieci giorni. Si sa, per ognuno l’incontro con la terra africana è diverso, ecco allora le parole di Luca, le sue riflessioni e la sua bella e sana confusione. Buona lettura!

È ancora tutto un po’ confuso e disordinato nella mia testa. Chi mi sente da casa per telefono può percepire il mio stato d’animo come semplice tristezza, ma non lo è. Forse è solo rassegnazione al fatto di sapere che non sono in grado di spiegare ciò che sto vivendo (e chissà per quanto tempo sarà ancora così, anche una volta tornato a casa). Ma state tranquilli: sono felice, davvero.Come ho appena scritto, è ancora tutto confuso e disordinato; allora meglio scrivere, sicuramente mi aiuterà.
La prima cosa che mi ha scombussolato una volta arrivato qui è stato il diverso modo di vivere il tempo e lo spazio. Se dovessi raccontarli in una sola parola direi che il tempo qui è pazienza e che lo spazio è aperto.
Pazienza di chi è nato e vive qui, di chi ha bisogno, di chi è arrivato e cerca di portare avanti un progetto. Pazienza di chi sta vedendo uno sviluppo, di chi si fa aiutare, di chi porta avanti un progetto in mezzo a mille difficoltà. Spazio aperto della savana, delle porte aperte dei villaggi e delle case, della gente, anche lei aperta. Di chi si apre uno spiraglio per passare o di chi si apre letteralmente a te.E se ci penso bene c’è una frase che riassume un po’ tutto questo: ce la disse Daniele, il nostro accompagnatore, la prima mattina a Kampala, cercando di spiegare il traffico umano della città, dove il marciapiedi si confonde con la strada, dove i semafori e le precedenze sono filosofie, dove può capitare che sia più il tempo in cui si sta in coda di quello in cui ci si muove. La frase è “Il contatto fa parte del movimento” ed era in mezzo ad un discorso molto pratico: serviva a spiegarci di non preoccuparci se la gente ci sarebbe venuta addosso, si tratta di una situazione normale in cui non è nemmeno necessario chiedere scusa. Ma questa frase mi ha fatto riflettere: non è che anche a casa, nella vita di tutti i giorni, il contatto fa parte del movimento? Sono arrivato a rispondermi di sì, che è proprio così e che tante, troppe volte, vado semplicemente a sbattere senza preoccuparmi di ciò che sto incontrando, senza tenere conto del contatto.
Probabilmente qui è più semplice, sono qui per guardare, conoscere, imparare: chissà però che insieme a volti ed esperienze io non porti anche a casa un diverso modo di vivere.
Siamo qui da dieci giorni e sono riuscito ad elaborare solo questo: ogni ora ci sono tanti stimoli di riflessione, ogni giorno ci sono così tanti incontri che è difficile scegliere qualcosa di cui parlare senza ridursi a fare un elenco. E ciò che sto vivendo non è un elenco. Non è un semplice spazio nella mia vita. Per questo lo terrò ancora un po’ confuso, perciò ne parlerò con calma una volta arrivato a casa; mi prenderò del tempo e proverò a trovare un contatto. Perché ci sia movimento e non solo un portare avanti la vita.
Ora ho fatto più confusione di prima. Ci sarà tempo di darle un ordine; il senso ce l’ha già.
Luca – Mede

Previous NAPOLI , EURORIVALE : SECONDA SCONFITTA IN CAMPIONATO PER IL NIZZA DI FAVRE .
Next Incendi, Cammarano (M5S): “La Campania continua a bruciare.Fondi antincendi insufficienti e inadeguati."

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Valeria Ciarambino: “Il premier non spiani la strada a De Luca”

«Matteo Renzi vuole spianare la strada a Vincenzo De Luca. Il premier, però, non può aggirare la legge Severino». Così, Valeria Ciarambino, consigliere regionale del M5S in Campania, si è

Officina delle idee

Scandalo Ischia, Legnini: “D’Alema ha ragione ma Csm non ha poteri d’ufficio. Serve intervento legislativo, no a bavaglio stampa”

“D’Alema  pone un problema serio, quello della tutela della riservatezza e dell’onorabilità delle persone non indagate. Il Consiglio Superiore della Magistratura però non è munito di un potere d’intervento d’ufficio.

Officina delle idee

Napoli: Lettieri e Carpentieri uniti contro de Magistris

«De Magistris ha perso un’occasione perché doveva compiere un atto di rispetto alla città, dimettendosi prima della sospensione, evitando alla città l’umiliazione di un sindaco sospeso e guidata da un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi