MUSEO E REAL BOSCO DI CAPODIMONTE : LE DICHIARAZIONI DEL DIRETTORE SYLVAIN BELLENGER IN RELAZIONE ALL’INDAGINE DELLA CORTE DEI CONTI

“In relazione agli articoli pubblicati oggi su alcuni organi di stampa ed aventi ad oggetto l’indagine promossa dalla Corte dei Conti in merito alla occupazione abusiva di alcuni immobili facenti parte del Parco di Capodimonte, desidero precisare che la suddetta indagine riguarda situazioni esistenti prima che assumessi l’incarico di Direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte e che, appena entrato in funzione, ho subito promosso ogni iniziativa, anche giudiziale, tesa all’imprescindibile ripristino della legalità”. Cosi si è espresso il Direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger in relazione all’indagine l’indagine promossa dalla Corte dei Conti in merito alla occupazione abusiva di alcuni immobili facenti parte del Parco campano .Il Direttore ha poi continuato:” Alcuni occupanti abusivi hanno già rilasciato gli immobili a seguito di un confronto, peraltro svoltosi con toni cortesi, da me promosso mentre nei confronti degli altri (due appartamenti al Fabbricato Colletta e uno alla Palazzina dei Principi) è stata da tempo intrapresa l’opportuna azione legale”.

Luisa Maradei

Previous AERONAUTICA IN CAMPANIA : SCIOPERO DI 1 ORA
Next HILLARY CLINTON LANCIA SUL WEB UN GRUPPO DI RESISTENZA POLITICA A TRUMP

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

PREMIO BINDI PER LA CANZONE D’AUTORE:IL FESTIVAL A SANTA MARGHERITA LIGURE: IL 5 LUGLIO L’ANTEPRIMA, IL 6 LUGLIO IL CONTEST, IL 7 LUGLIO SERATA OMAGGIO A FABRIZIO DE ANDRÉ CON THE ANDRÉ E MOLTI ALTRI

Scade il 1° maggio il bando di concorso per la 15a edizione del Premio Bindi di Santa Margherita Ligure (Genova), uno dei più prestigiosi concorsi e festival italiani dedicati alla

Officina delle idee

A Poggioreale, progetto “Gustose Evasioni”, gara di cucina nel padiglione Firenze

Una gara di cucina al carcere di Poggioreale. E’ l’evento “Gustose Evasioni” che si è svolto in questi giorni che,  ha visto sfidarsi tra fornelli e pietanze i detenuti del

Officina delle idee

PARIOTA:”CHI VIENE A VIVERE IN ITALIA DEVE SAPERE E RISPETTARE CHE SIAMO UNO STATO LAICO.”

Possiamo immaginare cosa abbia provato la 14enne originaria del Bangladesh, residente a Bologna, quando la madre le ha rasato i capelli per “punirla” del suo rifiuto di indossare il velo.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi