Musica e teatro per concludere le festività . In Villa Bruno,Arriva il Concerto dell’Epifania

Cultura ed eventi a San Giorgio a Cremano. Anche per l’Epifania la città si anima con appuntamenti musicali e teatrali che concludono le festività.

Fino al 6 Gennaio, alle ore 19.00 nella Biblioteca Padre Alagi, in Villa Bruno, si svolgeranno due concerti ad ingresso gratuito a cura del Baroque Park e coordinati da Roberto Dentice. Il primo si intitola “Quintaessentia, concerto per chitarra e archi a cura del quintetto, composto dalle violiniste Francesca Masucci e Caterina Bianco, da Eleonora Ciervo (viola), Pasquale Termini (violoncello) e Claudio Cecere (chitarra). Saranno eseguiti brani di Antonio Vivaldi (1675-1741) e di Mauro Giuliani (1781-1829). Durante la rassegna musicale,a cura del vi sarà l’anteprima della perfomance del maestro Claudio Cecere, che suonerà la chitarra “Solis” del Maestro Liutaio sangiorgese Roberto Sansone, eccellenza nella costruzione degli strumenti musicali, in particolare i liuti.

Il 6 Gennaio invece, “Concerto dell’Epifania” con l’ensemble “Fa..Re Sol Musica” di musica barocca, che esplorerà la musica del ‘700 in ambiti geografici diversi. Dal barocco veneziano con musiche di Vivaldi, al settecento napoletano con 3 famose tarantelle, fino al barocco europeo con esecuzioni di Haendel e Bach. Sarà un percorso musicale arricchito anche dalla narrazione di alcuni deliziosi testi dello scrittore Franco Paone, affidati a due valenti attori, Rossella Argo e Antonio Bruno.

Il 5 gennaio invece andrà in scena lo spettacolo teatrale gratuito, riservato agli anziani dei centri sociali di San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio. Appuntamento alle 19.30 presso le ex Fonderie Righetti, in Villa Bruno con lo spettacolo “Buon Divertimento, aspettanne a Befan”, a cura dei Fatebenefratelli, con Nando Varriale e Alessandra Murolo che proporranno ricordi e tradizioni di una volta. L’iniziativa si inserisce tra le attività che l’Ambito N28 mette in campo a favore dei più deboli e degli anziani, soprattutto coloro che trascorrono da soli le festività.

“Continuiamo ad essere la città della cultura, ma anche della solidarietà – spiega il sindaco Giorgio Zinno. Per questo, oltre al concerto dell’Epifania che ripercorre la musica del ‘700, ovvero un periodo particolarmente fiorente per il nostro territorio, dal punto di vista artistico abbiamo pensato agli anziani spesso soli, offrendo loro la possibilità di trascorrere qualche ora in allegria, in maniera gratuita. Gratuiti sono anche i concerti del 4 e del 6 gennaio affinchè, come per il Premio Troisi, tutti possano prendere parte agli appuntamenti culturali che mettiamo in campo per i sangiorgesi e non solo”.

“Cerchiamo di non lasciare nessuno solo – aggiunge Michele Carbone – e pensiamo agli anziani, spesso pervasi da un profondo senso di solitudine, soprattutto durante le feste. Perché tutti si sentano parte integrante di un’unica grande e solidale comunità”.

“Soddisfatto di poter iniziare  un ciclo di ben 14 eventi musicali di grande spessore – conclude Roberto Dentice – concerti che intorno agli studenti del Conservatorio di Napoli vedono coinvolte anche altre realtà musicali e artigiane. In primavera infatti è previsto un concerto dalla connotazione fortemente popolare con la partecipazione dei Bottari.Un percorso che cerca di mettere insieme altre eccellenze che si sono sviluppate in periodo, che a partire dal 700 ha reso ancor di più la nostra terra un crogiolo di bellezza che ancora oggi ispira tanti nel mondo”.

Previous Ultrà Napoli indagato per omicidio
Next Pompei, riapre la Schola Armaturarum

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

I LUOGHI E LE IDEE DI NAPOLI :DALLE IDEE CROCIANE DI LUCIO D’ALESSANDRO ALLA BIOARCHEOLOGIA CON MASSIMILIANO MARAZZI

Il Rettore Lucio d’Alessandro racconta ‘le idee crociane’ a Palazzo Filomarino; il filosofo del diritto Vincenzo Omaggio ci fa scoprire il Convitto Nazionale “Giordano Bruno” di Maddaloni dialogando sui concetti

Cultura

Suor Orsola Benincasa: l’Università che orienta al mondo del lavoro

Si è tenuto di recente, all’Università Suor Orsola Benincasa, l’Open Week, il tradizionale appuntamento dedicato agli studenti alle prese con la difficile scelta del corso di laurea. Un’intera settimana, durante

Cultura

Laurea in Scienze dell’Educazione: il problema è il mancato riconoscimento della professione

Tre corsi di laurea, uno triennale e due magistrali. L’offerta dell’Università di Salerno dedicata alle Scienze dell’Educazione comprende un corso di studi di primo livello, omonimo, e due di secondo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi