Napoli, 22 indagati per il racket delle pizzerie

Sono 22 le misure cautelari per estorsioni ed altri reati a pizzerie e negozi del centro della città. Gli indagati, tutti appartenenti al Clan Sibillo regnante nel centro storico di Napoli, sono responsabili, a vario titolo, di aver più volte estorto denaro ai titolari di pizzerie e esercizi commerciali nella zona dei Decumani. Le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e di detenzione e porto abusivo di armi da sparo.

I carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Napoli-Centro, durante l’indagine, hanno fatto ricorso a sofisticati strumenti di captazione ambientale e telefonica e alla collaborazione delle vittime di numerosi episodi di estorsione commessi, ai loro danni, dai membri del clan Sibillo. Ed è proprio Pasquale Sibillo, massimo esponente del clan e detenuto in carcere dal 2015, dopo una latitanza di 5 mesi, che gestiva tali traffici inviando messaggi ai suoi affiliati con l’aiuto dei familiari che si recavano ai colloqui con gli altri detenuti.

a cura di Margherita Iannicelli

Previous NAPOLI, FULMINI E TEMPESTE: LA SQUADRA NON TORNA IN RITIRO
Next Cesare Cremonini racconta i suoi primi 40 anni: «Quello che stiamo attraversando è il secolo delle donne»

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Migranti, Ue: ‘Chiesta cabina regia coordinamento Stati’

Sì è mantenuta per tutta la notte fuori dalle acque territoriali italiane, a poche miglia da Lampedusa, la Alan Kurdi, nave della ong tedesca Sea Eye che ha a bordo 64

Qui ed ora

Maratona per il clima. Il Wwf punta sui giovani

“La lotta contro i cambiamenti climatici, che sta coinvolgendo il nostro pianeta a tutti i livelli, non può prescindere da campagne di sensibilizzazione accurate e capillari. La posta in gioco

Qui ed ora

USA , TRUMP E LA REVISIONE DELL’ACCORDO NUCLEARE IRANIANO

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dato indicazione che venga condotta una revisione dell’accordo sul nucleare iraniano. Tale indiscrezione ,è stata confermata dal portavoce della Casa Bianca, Sean

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi