NAPOLI, A GIULIANO NASCE LA PRIMA SCUOLA ANTI-BULLISMO

All’istituto tecnico “Galvani” di Giugliano nasce la prima scuola anti-bullismo. L’iniziativa, voluta da Giuseppe Pezza, preside della scuola, è già da oltre un anno di attività e il progetto nella sua scuola  sta andando avanti con discreto successo. Il progetto è così strutturato: Due-tre alunni per classe sono stati appositamente formati ad aiutare non solo le potenziali vittime di atti di bullismo ma anche gli stessi bulli. I ragazzi hanno seguito un vero e proprio seminario di formazione che ha visto in cattedra esperti e psicologi. Anche perché, fanno capire dalla scuola, bisogna valutare caso per caso, comprendere con attenzione se si tratta realmente di un fatto di bullismo o di altro. Lo stesso preside commenta così questa iniziativa: “Il bullo agisce quando ha il consenso del gruppo. E se ai ragazzi spieghiamo che bisogna sempre dire no alla violenza e alla sopraffazione il bullo finisce per non  avere consenso non ha più il motivo per comportarsi in questo modo. In questo modo attuiamo un’opera di prevenzione  costante che sta dando dei risultati soddisfacenti”.

A pochi chilometri dall’istituto dove è stato avviato questa iniziativa c’è la città di Mugnano, paese della provincia di Napoli dove nei giorni scorsi un bambino di appena 13 anni è stato vittima di atti di bullismo da parte di suoi coetanei poi il padre aveva denunciato l’azione dei tre attraverso il social network “Facebook”. Subito il post postato dal padre della vittima ha ricevuto, in pochi minuti, molte condivisioni e ha ricevuto anche tanti messaggi di solidarietà. Dopo la denuncia partita dai genitori del ragazzo, i carabinieri sono riusciti a risalire a due degli autori della violenza. Il ragazzino ha riportato gravi lesioni in alcune zone del corpo.

Previous I MAGNIFICI 10 NAZIONALI DEL NAPOLI!
Next SERIE A , 29ª GIORNATA: IL NAPOLI SFATA IL TABU’ CASTELLANI. VITTORIE PER ROMA E JUVENTUS

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

IL MOVIMENTO 5 STELLE. IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI, SVISCERA LE NUOVE REGOLE PER LE CANDIDATURE

“Mancano 64 giorni. E’ ora di pensare in grande. E’ ora di andare al governo e fare quello che i partiti non hanno mai avuto la libertà di fare. Voglio

Qui ed ora

Zinzi scrive al presidente del Consiglio Renzi

Il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, ha inviato una missiva al presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, per denunciare le drammatiche ripercussioni che il Disegno di legge

Qui ed ora

DONNA UCCISA NEL NAPOLETANO

Ancora una volta ci troviamo dinanzi ad un caso di femminicidio. Una donna che stamani ha accompagnato i figli a scuola è stata freddata davanti alla struttura con un colpo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi