Napoli al tempo del fascismo -Paolo Mieli presenta la nuova inchiesta della Scuola di Giornalismo Suor Orsola Benincasa

“Napoli al tempo del fascismo” sarà il tema della nuova inchiesta storico-giornalistica della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa”. Mercoledì 30 Novembre alle ore 12 sarà Paolo Mieli, fondatore nel 2003 con Lucio d’Alessandro della Scuola di Giornalismo del Suor Orsola, a presentare il tema del lavoro d’inchiesta affidato agli allievi del biennio 2015-2017.

 

Dopo i precedenti lavori sul caso Leone, sulla Napoli ai tempi del colera, sul terremoto del 1980, sul caso Tortora, e sulla Napoli di Lauro e poi dei Viceré, stavolta i giovani giornalisti si misureranno con la ricostruzione giornalistica di una delle stagioni più controverse della storia del Paese, nel corso della quale proprio la libertà della stampa e dell’informazione è stata fortemente compressa.

 

Ad introdurre i temi del lavoro ci saranno, insieme con Paolo Mieli, il Rettore del Suor Orsola, Lucio d’Alessandro, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli e il direttore della Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa” Marco Demarco.

 

Dal Caso Leone al Caso Lauro passando per le inchieste sul Colera e sul Terremoto

 

 

La Scuola di Giornalismo “Suor Orsola Benincasa”, nata nel 2003 come prima Scuola di Giornalismo del Mezzogiorno peninsulare, ha già realizzato sei importanti volumi di inchieste storico-giornalistiche prodotte dagli allievi di ciascun biennio: “Giovanni Leone: un caso giornalistico degli anni ’70” (Biennio 2003-2005) ; “1973: Napoli al tempo del colera” (Biennio 2005-2007) ; “Terremoto e trent’anni di cricca” (Biennio 2007-2009), “Enzo Tortora: processo a un uomo perbene” (Biennio 2009-2011), “Il Caso Lauro” (Biennio 2011-2013), “I Viceré di Napoli” (Biennio 2013-2015).

Previous Referendum, istruzioni per l’uso: orario dei seggi, scrutinio, quorum e data
Next VOTO DI PANCIA E VOTO DI TESTA.L'OPINIONE DI CARMINE SCAFA

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

La storia di Raffaele Viviani in sei puntante

La chiusura dei teatri di Varietà imposta dal governo dopo la disfatta di Caporetto nel novembre del 1917, costrinse tanti attori famosi a cercare nuovi spazi ed a crearsi un

Cultura

VENERDI AL MUSEO MADRE “CULTURA CREA”

Venerdì 4 novembre, ore 16:30 (Sala Re_PUBBLICA MADRE, piano terra) Opportunità per le piccole e medie imprese e terzo settore della filiera culturale in Campania Presentazione del nuovo strumento agevolativo

Cultura

BOSCOREALE: L’AREA ARCHEOLOGICA CON L’ANTIQUARIUM NAZIONALE E’ INSERITA NEL CIRCUITO DEL BIGLIETTO INTEGRATO CHE CONSENTE DI ACCEDERE A CINQUE SITI

L’area archeologica di Boscoreale, con l’annesso Antiquarium nazionale “Uomo e ambiente nel territorio vesuviano”, è stata inserita dalla Soprintendenza di Pompei nel circuito del biglietto integrato di tre giorni che consente al turista di accedere a cinque

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi