NAPOLI, ASSEGNATI NUOVE ABITAZIONI AI FAMIGLIARI DEI CAMORRISTI

La Famiglia di Davide Francescone, l’uomo accusato di essere uno degli assassini di Antonio Landieri, vittima innocente della prima faida di Scampia, ha ricevuto dal comune di Napoli un’appartamento destinato agli abitanti delle Vele. Inizialmente però i dipendenti del comune del capoluogo campano non volevano assegnare la casa alla famiglia del camorrista, però dopo il parere dell’avvocatura comunale  l’assegnazione è stata alla fine fatta dalla dirigente del settore, il quale ha assegnato l’immobile alla famiglia. E adesso si rischia che altri pregiudicati possano ottenere lo stesso beneficio. Addirittura l’uomo nello scorso gennaio era stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare, ma poi è stato scarcerato dal tribunale del riesame, anche se resta in galera per altri reati. Quindi è chiaro che la Camorra ha sempre una certa “influenza” anche sulla burocrazia e su enti pubblici grazie al collaudato meccanismo delle occupazioni abusive e della successiva immancabile sanatoria.

Previous MIGRANTI , DOPPIO NAUFRAGIO : 250 MORTI AL LARGO DELLA LIBIA
Next I SEGRETI DEL PARCO DI CAPODIMONTE

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

VIRGINIA: SCONTRI TRA GLI ADEPTI DEL KU KLUX KLAN E AGENTI DELLA POLIZIA, 23 ARRESTI

Una cinquantina di adepti del Ku Klux Klan sono arrivati armati e incappucciati a Charlottesville, in Virginia, per protestare contro la rimozione della statua equestre del generare sudista (e quindi

Qui ed ora

Maltempo a Venezia, allagato il 70% del centro storico

Continua l’ondata di maltempo che da giorni si sta abbattendo su gran parte dell’Italia. Il dipartimento della Protezione civile ha dichiarato l’allerta rossa in alcuni settori del Veneto e arancione sulla provincia di Bolzano, su

Qui ed ora

Iraq ,ancora un attacco ad una moschea :19 morti

Una serie di esplosioni, si sono udite ieri nei pressi di  Baghdad, il boato ha purtroppo distrutto una moschea alla periferia della capitale dell’Iraq. Il bilancio è apparso da subito

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi