Napoli, esame di continuità. Come stanno stanno Napoli e Cagliari.

Partenza da record per gli uomini di Maurizio Sarri in questo inizio di stagione. Questo però non è bastato per assicurarsi la vetta solitaria della classifica. Gli azzurri condividono la prima piazza con, indovinate un po’, la Juventus. Fare calcoli in questo momento non avrebbe senso; il Napoli deve rimanere concentrato e guardare solo in casa propria ma è giusto comunque dare uno sguardo alle avversarie mettendo in cascina quanti più punti possibili. E’ molto probabile che si possano rivelare decisivi nel finale di stagione. Vincere quindi, imperativo categorico per i partenopei che domenica alle 12.30 a Fuorigrotta se la vedranno contro il Cagliari dell’ex Massimo Rastelli. Sulla carta una partita abbordabile, ma guai ad abbassare la guardia. L’esperienza insegna che nessuna gara è priva di insidie.

COME STANNO NAPOLI E CAGLIARI

La squadra azzurra arriva all’impegno con un ruolino di marcia impeccabile, 6 vittorie nelle prime 6 giornate, con il miglior attacco d’Europa. Sardi che invece attraversano un periodo abbastanza grigio avendo subito due sconfitte tra le mura amiche nelle ultime due giornate. Napoli in formazione tipo, davanti i 3 folletti con Jorginho ed Hamsik a centrocampo. Da valutare le condizioni di Albiol, colpito da problemi alla schiena. Per sostituirlo pronti uno tra Maksimovic e Chiriches con maggiori chances per il primo. Cagliari invece che deve fare i conti con le precarie condizioni fisiche di Farias e l’ex azzurro Pavoletti: non è da escludere che il tecnico Rastelli possa optare per un cambio modulo schierando il solo Joao Pedro alle spalle di Sau.

CONTINUITA’ PER CONTINUARE A SOGNARE

Quest’anno il gap tecnico con la Vecchia Signora pare essersi ulteriormente ridotto e forse mai come prima si può parlare di scontro alla pari. Segnali confortanti stanno arrivando per quanto riguarda la crescita della tenuta mentale, necessaria per compiere il definitivo step e colmare la distanza dai bianconeri. Il Napoli è stato autore già di tre rimonte in questo inizio di torneo e in qualunque momento della gara pare essere finalmente consapevole della propria forza. Sa di poterla ribaltare da un momento all’altro. Serve a questo punto consolidare e padroneggiare alla meglio tale facoltà ma allo stesso tempo dimostrare di saper tenere alta la concentrazione, soprattutto nelle gare apparentemente più semplici che possono rappresentare curve scivolose lungo il tragitto.

Se il buongiorno si vede dal mattino, la strada imboccata sembra quella giusta…

Previous Hiv , la svolta : nel 2018 verrà testato un anticorpo per abbattere il 99% dei ceppi del virus
Next Sanità, sovraffollamento e nuovo direttore del carcere: gli ex detenuti in presidio a Poggioreale

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Addio Alfredo Reichlin. Se ne va un pezzo di storia della sinistra italiana

È morto Alfredo Reichlin, aveva 91 anni. Partigiano, allievo di Togliatti, direttore dell’Unità, membro della Direzione del PCI, parlamentare, dirigente storico del partito e poi nel Pd, è stata una

ultimissime

MINORI, LA REGIONE RIPRISTINA IL DIRITTO ALLA SALUTE. IL GARANTE CIAMBRIELLO: “UNA VERTENZA DEMOCRATICA GIUNTA A BUON FINE”

Durante le settimane scorse, le comunità per minori dell’Area penale insieme al Garante regionale dei detenuti, hanno portato avanti una battaglia di giustizia per rispristinare il diritto alla salute per

ultimissime

Fase 2 al via: da Milano a Palermo, le città ripartono

Comincia in Italia la fase due, quella di convivenza con il coronavirus. Sono 4,4 milioni le persone che tornano al lavoro in questo lunedì di primo allentamento del lockdown. La

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi