NAPOLI: ESTATE AL MUSEO MADRE, INGRESSO E VISITE DIDATTICHE GRATUITE NEL MESE DI AGOSTO

Fino al 31 agosto 2017,  per i cittadini campani e i tanti turisti italiani e internazionali che trascorreranno il mese di agosto nella città di Napoli o nella Regione Campania sarà possibile visitare gratuitamente le mostre in corso e le collezioni del museo Madre, oltre che partecipare gratuitamente alle visite didattiche connesse.

Un museo non solo aperto ad agosto, ma gratuito per tutti. L’iniziativa si propone come un servizio di prossimità culturale ai cittadini del territorio campano. Sarà un’occasione per affrontare il caldo della stagione estiva camminando piacevolmente ad “aria condizionata” e  in mezzo a capolavori di arte contemporanea. La visita al museo inizia nell’atrio/ingresso in cui è allestita Axer/Désaxer, l’opera in situ di dimensioni architettoniche dell’artista francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938), che guida il pubblico alla scoperta delle altre mostre temporanee e delle collezioni permanenti, celebrando l’unione fra il museo e la sua comunità. Il percorso continua con le mostre in corso, SIAMO ARRIVATI di Wade Guyton (fino all’11 settembre 2017, terzo piano), ENGLISH FOR FOREIGNERS di Stephen Prina (fino al 16 ottobre 2017, sala Re_PUBBLICA MADRE), PERLA POLLINA, 1996-2016 di Roberto Cuoghi (fino al 18 settembre 2017, secondo piano-ala destra, mezzanino e Project room) e delle collezioni del museo. In sala Re_PUBBLICA MADRE (piano terra), i visitatori si confrontano con la mostra di Stephen Prina (Galesburg, 1954), artista poliedrico che investiga la relazione fra sfera collettiva e dimensione personale attivando una relazione dinamica tra passato e presente e facendo emergere la relazione fra la propria vicenda biografica e la storia del XX secolo. Anche attraverso riferimenti ad autori come Cesare Pavese e Franco Fortini o ai film sulla Resistenza italiana dei registi Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, Prina esamina gli intrecci fra stanzialità e migrazione,  affermazione dell’identità e suo sradicamento, monumentalità e intimità. La visita alla mostra si configura come un racconto che, dalla storia di un padre e un figlio, si espande fino a divenire un possibile memoriale collettivo, in cui le storie dei singoli incontrano la Storia di tutti. Al terzo piano del museo il percorso continua con la mostra di Wade Guyton (Hammond, Indiana, 1972), uno dei più importanti artisti internazionali dell’ultima generazione. La sua ricerca artistica mette alla prova gli statuti labili della comunicazione contemporanea, sempre più affidata alla iper-connessione globalizzata delle reti e dei social network: prodotta interamente a napoli, la mostra si configura come una vera a propria immersione nel mondo delle immagini contemporanee, oscillanti fra analogico e digitale, ma anche come un’inedita riproposizione del tema classico del Grand Tour. Dislocata presso tre aree diverse, Project room, mezzanino e secondo piano (ala destra), la mostra di Roberto Cuoghi (Modena, 1973) – uno dei più importanti artisti contemporanei, autore di una magistrale partecipazione al Padiglione Italia della Biennale di Venezia in corso quest’estate – si articola come un universo di forme, segni e simboli. La visita permetterà di introdursi in questa pratica visionaria, ossessiva, priva di “misura”, in cui alla realtà si sovrappone la fantasia, alla storia il mito, alla documentazione l’invenzione. Un percorso che racconta la storia della cultura d’avanguardia, con particolare riferimento a quanto accaduto a Napoli e in Campania negli ultimi cinquant’anni, ma al contempo esplora il presente e ipotizza il futuro, attraverso l’inclusione di artisti che rispondono con nuove opere a questa storia. Sul terrazzo del museo è visitabile (fino al 19 dicembre 2017) l’opera iconica dell’artista belga Jan Fabre (Anversa, 1958) L’uomo che misura le nuvole (versione americana, 18 anni in più), 1998-2016. L’opera è un inno alla capacità di continuare a sognare, di trascendere il tempo e lo spazio attraverso l’immaginazione .

Previous Scoperte lastre "false" all'ospedale Loreto  Mare
Next NAPOLI, LA NOTTE DELLA TAMORRA: TRA CULTURA E TRADIZIONE

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

PAOLO SIANI(pd):” VOGLIO PARLARVI DI UN PAESE DIMENTICATO, DELLE MAFIE DIMENTICATE, DELLE DISEGUAGLIANZE, DELLA POVERTA’ EDUCATIVA….”

di Paolo Siani* Da oggi vorrei parlare di un paese dimenticato. E vorrei farlo parlando dei problemi dei giovani, e delle tante difficoltà di milioni di cittadini. Basta con questi

Officina delle idee

UNIVERSITà STATALE DI MILANO: SI AL CAMPUS SUL SITO EXPO

L’Università Statale di Milano, ha in serbo, di ampliare il proprio campus universitario, spostando il complesso residenziale della Città Studi  nel sito di Expo 2015, a Rho. Il Senato accademico si è

Officina delle idee

LA PRIGIONE DELL’UMANITA’: LE NUOVE CARCERI DIGITALI RACCONTATE DA LIVIO VARRIALE

E’ una vera e propria inchiesta sul mondo sommerso del deep web, quella di Livio Varriale giornalista ed esperto di comunicazione web, nel suo primo libro dal titolo “La prigione dell’umanità” edito

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi