NAPOLI ,IL MUSEO DI PIETRARSA

Il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa è un museo ferroviario ubicato tra le estreme propaggini della periferia orientale di Napoli, nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio, al confine con i comuni di Portici e San Giorgio a Cremano. Sorge in posizione adiacente alla stazione ferroviaria Pietrarsa-San Giorgio a Cremano. Il museo ferroviario è stato realizzato laddove sorgeva il reale opificio borbonico di Pietrarsa, struttura concepita da Ferdinando II di Borbone nel 1840 come industria siderurgica e dal 1845 come fabbrica di locomotive a vapore. L’attività ebbe inizio con il montaggio in loco di 7 locomotive, utilizzando le parti componenti costruite in Inghilterra secondo uno dei precedenti modelli inglesi acquistati nel 1843. La struttura ebbe varie visite importanti tra cui lo zar di Russia, Nicola I, che manifestò l’intenzione di prendere Pietrarsa a modello per il complesso ferroviario di Kronstadt e nel 1849 anche del papa Pio IX. Con l’Unità d’Italia, dal 1861 l’opificio di Pietrarsa entrò in una fase difficile; una relazione dell’ingegnere Grandis, voluta dal governo piemontese dipingeva negativamente l’attività e la redditività dell’opificio consigliandone addirittura la vendita o la demolizione. L’anno dopo avveniva la cessione della gestione alla ditta Bozza; ciò portò alla riduzione dei posti di lavoro, a scioperi e gravi disordini repressi nel sangue. Il 6 agosto 1863 una carica di bersaglieri provocava 7 morti e 20 feriti gravi. Tuttavia, nonostante la parziale dismissione degli impianti, nel successivo decennio vennero prodotte oltre 150 locomotive. Il ridimensionamento di Pietrarsa continuò sino alla riduzione a 100 dei posti di lavoro finché nel 1877 lo Stato assunse direttamente la gestione sotto la direzione dell’ingegnere Passerini risollevandone le sorti e migliorandone la produttività; da allora e fino al 1885 vennero prodotte ulteriori 110 locomotive, oltre 800 carri merci e quasi 300 carrozze viaggiatori oltre a parti di ricambio per rotabili. Con l’avvento dei nuovi sistemi di trazione elettrica e poi diesel, ebbe inizio il lento ma inesorabile declino, culminato il 15 novembre 1975 con il decreto di chiusura e la decisione di fare di Pietrarsa un museo ferroviario a tutti gli effetti, sfruttando i vecchi capannoni della prima fabbrica di locomotive d’Italia. L’inaugurazione avvenne il 7 ottobre 1989 in occasione del 150º anniversario delle ferrovie italiane. Successivamente chiuso dopo un lungo periodo di ristrutturazione, il museo è stato riaperto il 19 dicembre del 2007. Costituito da 7 padiglioni per un’estensione complessiva di circa 36.000 metri quadrati, ospita locomotive a vapore, locomotive elettriche trifase, locomotive a corrente continua, locomotori diesel, elettromotrici, automotrici e carrozze passeggeri. Il primo padiglione è stato delegato alla conservazione dei mezzi del “passato”, ad iniziare dalla ricostruzione storica del primo convoglio della Napoli-Portici, per seguire con le locomotive a vapore e i locomotori elettrici trifasi. Il secondo padiglione raccoglie una vasta rappresentanza di rotabili e carri in scala ridotta, nonché plastici e oggetti di uso comune in ferrovia. Il terzo padiglione diviso in tre settori, ospita vecchi macchinari della ex officina, un settore navale con modelli ed oggetti vari, nonché locomotive rappresentanti il “passato prossimo” e cioè automotrici diesel ed elettriche, carrozze e locomotori elettrici a corrente continua. Interessante è il treno Reale, convoglio di undici vagoni, costruito nel 1929 per le nozze di Umberto II di Savoia con Maria José del Belgio, mentre di recente è stata acquisita una vettura presidenziale offerta nel 1989 da Francesco Cossiga. Nel museo trovano spazio celebri locomotive a vapore come la gruppo 290, gruppo 835, gruppo 480, elettriche in corrente continua come la E.326, E.626, nonché locomotive elettriche trifase, gioielli della storia ferroviaria italiana. Imponente è la statua di Ferdinando II di Borbone, opera fusa in ghisa nello stesso opificio, di rilievo il salone reale stile liberty dal soffitto in oro zecchino e dal tavolo in mogano esotico. Infine, gioiello fra i gioielli, la carrozza-salone del treno dei Savoia, attualmente “Treno della Presidenza della Repubblica Italiana”. L’intera area del museo di Pietrarsa è di 36.000 metri quadrati, dei quali 14.000 coperti.

Previous QUESTIONE ROM:NAPOLI E LE SUE ISTITUZIONI CON LE PORTE CHIUSE.
Next BILANCIO REGIONALE,MALERBA(M5S):"L'ASSESSORE NON RISPONDE AL PASTICCIO DEL PROSPETTO DIMENTICATO."

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Intervista a EROS RAMAZZOTTI, una vita fatta di musica e amore

Sonia Sodano Questa sera inizia il sessantasettesimo Festival della canzone italiana, che si svolgerà come di consueto anche quest’anno al teatro Ariston di Sanremo da martedì 7 a sabato 11

Officina delle idee

Benedetta Tagliabue: «Lo smart working dei sogni? Lavorare da un’isola». Ma riscopre l’Italia

«Tutta la città è felice: c’è chi corre, chi va in bicicletta, chi va sulla spiaggia, chi gioca a pallavolo, è bellissimo. Finalmente!». È così che appare la capitale catalana,

Officina delle idee

Una mega festa per festeggiare gli 80 anni del patron del Teatro Palapartenope

Si è svolto il 28 Gennaio, il mega party per festeggiare gli ottant’anni di Rino Manno il patron del Teatro Palapartenope  e del Complesso Kennedy, e sì perché Rino è un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi