NAPOLI , IL TEATRO GALLERIA TOLEDO OSPITA IL FLAMENCO ARABO

Debutto teatrale per il trio di musicisti napoletani (il M° Gabriel D’Ario alla chitarra flamencaDario di Pietro alla chitarra classica, Alfredo Pumilia al violino) che, per l’occasione, porteranno sulle tavole del teatro l’intero corpo di ballo “Nahed Sabry y su sueño flamenco” della Vox Mundi – Accademia Orientale, diretto dalla Maestra Amalia Belgiovine.
Fusione di sonorità e di mondi, incontro di culture entrambe millenarie che vedono da un lato la musica del cante jondo legarsi con la letteratura più antica e moderna della canzone partenopea e, dall’altro, la passione del baile che si mescola con la sensualità delle antichissime danze orientali, dando così vita allo stile flamenco arabo.
Il progetto Flamenco Napuleño nasce nel 2016. Il 9 marzo 2017 esce il loro primo disco omonimo “Flamenco Napuleño”, al cui interno sono contenuti dieci significativi brani del repertorio napoletano che spaziano dalle opere più tradizionali a quelle più moderne.
Al centro del progetto la rivisitazione in chiave flamenca delle sonorità partenopee, ponendo in primo piano la voce della chitarra che, nel susseguirsi delle composizioni, si sostituisce in modo chiaro e netto alle linee di canto.
“Nahed Sabry y su sueño flamenco” nasce dall’idea della stessa Nahed, alias Amalia Belgiovine, ballerina, insegnante e coreografa di flamenco arabo e danza orientale presso l’Accademia di danze orientali “Vox Mundi”.
Praticamente sconosciuto, il flamenco arabo è una disciplina moderna che, in realtà, trae origine dalla dominazione araba in Spagna, quando la cultura musicale gitana iniziò a mescolarsi con quella araba ed ebraica.
Ballerini di eccezione per l’occasione saranno: Laura Arcudi e le sue fusion, e Carmen Friolo, accompagnata da Enzo Esposito in una suggestiva Tammurriata.
 
L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21:30.
 
Previous "Stop al Biocidio": i rappresentanti di diverse associazioni e movimenti presenti in Campania, sono scesi in piazza per dire si alla rimozione delle ecoballe e la bonifica di siti inquinati
Next SI CHIAMA "OPEN STAGE" LA MOSTRA ITALIANA DI THOMPSON ALLA REGGIA DI CASERTA, TROPPO TIMIDO PER CHIEDERE ALLA GENTE DI POSARE PER LUI

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Cipriano: «Avellino ha smarrito il gusto estetico, mi impegno a recuperare la bellezza»

Avellino riscopre nella settimana del Natale che “fare cultura” ad alti livelli in città è possibile, che le competenze e le professionalità ci sono, così come ci sono giovani che

Cultura

Una mostra superstar, Da Caravaggio a Bernini: Il trionfo del Seicento napoletano

E’ dedicata alle relazioni artistiche tra Spagna e Italia nel XVII secolo la mostra che, alle Scuderie del Quirinale, si potrà ammirare fino al 30 luglio. Relazioni che nacquero nel

Cultura

Cappellin e Scarpa, tra arte e vetro

– In appena sei anni, dal 1925 al 1931, Giacomo Cappellin, “imprenditore ostinato e spendaccione”, e un giovane Carlo Scarpa hanno “rivoluzionato” il modo di fare il vetro a Murano. A

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi