NAPOLI ,ITINERARIO AL MASCHIO ANGIOINO PER RIVIVERE LA STORIA DELLA CULTURA NAPOLETANA

Un itinerario all’insegna della scoperta di uno dei simboli della cultura napoletana :il Maschio Angioino che posizionato nel cuore di Napoli tra mare e centro storico, ogni anno ospita moltissimi visitatori. Per mostrare le meraviglie del maniero, Discover Napoli organizza per domenica 21 gennaio 2018 alle ore 10:30 una suggestiva visita guidata al castello.

Un tour di 45 minuti che permetterà a tutti i turisti di intraprendere  un vero e proprio viaggio nel tempo, scoprendo le molteplici fasi che hanno caratterizzato la storia del sito, cominciando dalle vestigia della Neapolis romana, attraversando poi l’Alto Medioevo, fino a giungere alla duecentesca costruzione angioina del Castel Nuovo e alla quattrocentesca riedificazione aragonese.Dopo la perlustrazione dell’area archeologica ,si raggiungerà la terrazza panoramica della cortina settentrionale del castello che affaccia sui cantieri della linea 1 della metropolitana di Piazza Municipio.

Previous ITALIA , LE PAROLE DI PADOAN E GENTILONI: "TROPPI GIOVANI LASCIANO IL NOSTRO PAESE PER OPPORTUNITA' MIGLIORI. IL PAESE MERITA FIDUCIA "
Next LA RIVOLUZIONE DELLA LUCE CONSENTIRA' ALLE NOSTRE CITTA' DI ESSERE SEMPRE PIU' CONNESSE

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

I DUE PARCHI ARCHEOLOGICI, DI POMPEI E PAESTUM, COLLEGATI DA ARCHEOTRENO CAMPANIA

Un treno storico dal centro di Napoli ai due Parchi Archeologici di Pompei e Paestum, patrimonio dell’UNESCO. Partirà mercoledì 30 agosto, una nuova occasione per salire a bordo di Archeotreno

Cultura

NAPOLI: IL PAN ACCOGLIE IL LIBRO DI CINZIA GARGIULO “GOCCE DI POESIA”

L’anima partenopea è costituita essenzialmente di note musicali e versi che scaturiscono dall’anima: avremo modo di sentirli Sabato 21 ottobre alle ore 17,00 nella Sala Pan del Palazzo delle Arti di Napoli.

Cultura

RENATO DE FALCO, LA CASSAZIONE DEL DIALETTO CI HA LASCIATO

L’avvocato Renato De Falco, per anni pontefice massimo degli studi sul dialetto napoletano, ci ha lasciato. Vogliamo ricordarlo proponendo ai lettori il capitolo a lui dedicato del mio libro: Il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi