NAPOLI: LA DROGA VENIVA PAGATA CON POSTA PAY

I veloci  accrediti su carte di credito postepay riconducibili a una coppia di Napoli ritenuta vicina ad un clan che opera nella zona di Fuorigrotta, hanno costituito la base dell’indagine dei Carabinieri che, stamani, ha portato all’arresto di sei persone che si erano specializzate nella fornitura di droga a Maratea (Potenza) e al basso Cilento.

I pagamenti erano effettuati mensilmente da un uomo di Maratea (ora in carcere insieme alla coppia di Napoli), man mano  che erano incassati i proventi della vendita di cocaina nella località tirrenica della Basilicata.Le indagini, inoltre, hanno richiesto servizi di intercettazione e l’uso di videoriprese per individuare “una cerchia di abituali assuntori”: per gli acquisti, l’uomo arrestato si faceva aiutare da altre tre persone, che ora sono agli arresti domiciliari. Si tratta di “corrieri” che hanno fatto “numerosi viaggi” tra Campania e Basilicata per trasportare la cocaina e “tagliarla”, dividerla in dosi e venderla.

Previous Conte a Tusk :"E' impensabile che l'Italia possa farsi carico di tutti i flussi migratori
Next Giacinto Diano, pittore nativo di Pozzuoli

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

DALL’OLANDA ALLA SARDEGNA PER RICOMINCIARE A VIVERE : CASE AD 1 EURO

“Non solo stiamo ripopolando un centro dell’interno della nostra Isola ma abbiamo anche un doppio ritorno per la comunità: uno di immagine, che si allarga per tutta la Sardegna anche

Economia e Welfare

Cori, il progetto Ala Marchetti inizia a prendere forma

L’obiettivo di realizzare un’ala dedicata alla memoria e alla diffusione della conoscenza della figura e delle realizzazioni dell’Ing. Alessandro Marchetti inizia a prendere forma. La Regione Lazio ha reso nota

Economia e Welfare

AGRICOLTURA, #BENEDUCE (FI): SUBITO AUDIZIONE PER DIFENDERE MOZZARELLA DOP

 “Ancora una volta la mozzarella di bufala Campana MBC DOP rischia di subire una turbativa merceologica con grave pregiudizio per produttori e consumatori” – così Flora Beneduce, consigliere regionale, che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi