NAPOLI: RICORDA IL GRANDE PINO D’ANIELE CON UN FLASH MOB

Flash mob che accade in riva al mare, una mostra per la memoria dell’artista  nel cuore di Forcella, omaggi nei locali notturni, le sue canzoni trasmesse dalle radio e diffuse nei negozi e per le strade: a tre anni dalla sua improvvisa morte  si rinnova a Napoli l’omaggio a Pino Daniele.
Inaugurata nella chiesa di San Severo al Pendino ‘Terra mia-Pino Daniele story’,  la mostra a cura di Federico Vacalebre, in collaborazione con il fotografo Pino Miraglia, riallestimento dell’esposizione dedicata al trentennale della sua carriera, arricchita con copertine di dischi, giornali, curiosità.
L’iniziativa fa parte del progetto ‘Forcella Transit-Destinazione Forcella-Percorsi d’arte oltre i decumani’ per la valorizzazione di una parte del centro antico che nonostante i tesori artistici che custodisce non ancora è rientrata nei circuiti turistici. Una parata di artisti di strada e trampolieri hanno accompagnato la mattinata di festa per il quartiere conclusasi nel ricordo di Pino Daniele con una esibizione del musicista Carlo Faiello.

Previous Sanità: Beneduce(Fi),interrogazione scorte antitetanica
Next Befana di solidarietà, D’Amelio in visita alla SIRE e all’Hospice di Bisaccia

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

“FINALMENTE TI SEI…”: LA SCRITTA SULLA SARACINESCA DEL SALUMIERE NAPOLETANO CHE HA AVUTO IL CORAGGIO DI DENUNCIARE IL DEGRADO

Ci sono 40 gradi a Napoli, di un sabato di agosto, precisamente il 5 agosto. La gente cerca un barlume di fresco. Ma passando accanto a quella saracinesca abbassata, zona

ultimissime

Papa Francesco ha scelto Ginevra per il suo ventitreesimo viaggio internazionale: ‘Il cristiano non lasci gli ultimi’

Papa Francesco ha scelto Ginevra per il suo ventitreesimo viaggio internazionale, un “pellegrinaggio ecumenico”, come era stato previsto .La divisione dei cristiani è  scandalosa,  bisogna proseguire sul cammino dell’unità perché l’alternativa

ultimissime

PAPA: ” LE MIGRAZIONI SONO SEMPRE ESISTITE, E’ IMPORTANTE CHE POSSANO PROSEGUIRE IN UN CLIMA DI ACCRESCIUTA FIDUCIA”

“Oggi si parla molto di migranti e migrazioni, talvolta solo per suscitare paure ancestrali.Occorre dunque uscire da una diffusa retorica sull’argomento e partire dalla considerazione essenziale che davanti a noi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi