NAPOLI-SAMPDORIA: 2-1 .GABBIADINI E TONELLI FIRMANO LA VITTORIA AZZURRA

Nell’anticipo serale della 19° giornata di Serie A ,  allo Stadio San Paolo Il Napoli batte la Sampdoria con il risultato di 2-1 .Decisive le reti di Gabbiadini e Tonelli che ribaltano l’iniziale vantaggio blucerchiato ( autogol di Hysaj) , mandando così in estasi il popolo azzurro. Per quanto riguarda le formazioni, Sarri  opta per il collaudato 4-3-3 con Reina tra i pali , difesa a quattro composta da Hysaj sul versante destro , Chiriches e Tonelli coppia centrale e Strinic sul versante sinistro ; centrocampo con Allan e Jorginho( che vincono i rispettivi ballottaggi con Zielinski e Diawara) che completano il reparto con capitan Hamsik. Attacco confermatissimo con Insigne ,Callejon e Mertens pronti a scardinare la difesa sampdoriana .La squadra blucerchiata , allentata da Giampaolo si schiera invece con il modulo 4-3-1-2 con una sorprende novità : Muriel parte dalla panchina e l’attacco è affidato al grande ex Quagliarella supportato da Shick e Ricky Alvarez . Nel primo tempo , poco incisiva la manovra d’attacco degli azzurri ,soprattutto per via dell’ottima organizzazione tattica offerta dagli uomini di Giampaolo ,che con un pressing a tutto campo riescono ad imbrigliare il palleggio azzurro .Poche le occasioni da reti : da registrare le due punizioni di Mertens per gli azzurri e di Alvarez per la Samp .Ma mentre il primo scorre inesorabile verso la fine , ecco la rete che manda in fumo i piani della squadra di Maurizio Sarri :  al minuto 30’ ,Shick approfitta dell’errore di Chiriches nell’anticipo ed  il suo cross carambola su Hysaj e finisce nella porta di Reina , gelando il San Paolo .La reazione del Napoli era sterile e la Sampdoria  senza grandi sofferenze ,conserva il vantaggio fino all’intervallo. Nella seconda frazione ,gli azzurri entrano in campo con il piglio giusto e sfiorano il vantaggio per due occasioni con Mertens che non riesce a trasformare in rete prima l’errore dell’ex Regini e poi il grande assist di Callejon .La svolta del match arrivo però al minuto ’61 quando l’arbitro Di Bello  estrae il rosso per doppia ammonizione a Silvestre, reo secondo l’arbitro di un tocco su Reina dopo un rilancio del portiere azzurro. La Samp così rimane in dieci uomini ed inizia il forcing azzurro , anche se è Reina ad essere decisivo : il portiere spagnolo salva il risultato con un grande intervento su Muriel (entrato al posto di Quagliarella) mantenendo vive le speranze azzurre . Sarri cambia le carte intavola inserendo Zielinski per Allan e Gabbiadini per Jorginho passando al 4-2-3-1 a trazione anteriore e la mossa paga : al minuto ’77 , su cross di Insigne , Callejon rimette in mezzo un pallone che sembrava ormai perso e che Gabbiadini trasforma in rete , portando il match in parità .Negli ultimi minuti , la squadra blucerchiata viene travolta dall’onda azzurra che colpisce al minuto numero 95’ con Lorenzo Tonelli ,che servito da Strinic firma il 2-1 che gela la Samp e manda in estasi il San Paolo. Un debutto da tre punti quello del difensore ex Empoli ,che con questa prestazione si mette alle spalle un periodo buio dettato dagli infortuni ed è pronto a ritagliarsi uno spazio importante nello scacchiere tattico di Maurizio Sarri .Una vittoria di carattere che porta il Napoli momentaneamente al secondo posto e che rilancia le ambizioni Champions dei partenopei .

Previous MERCOLEDI' 13 GENNAIO ALLE ORE 17,30:al Trianon Viviani, presentazione dell’ultimo impegno artistico di Roberto De Simone
Next DON VITALIANO DELLA SALA A ORTICALAB:"«La morte di Angelo è il fallimento di tutti: il Comune è assente, il volontariato un affare. Il bene non si fa per profitto»

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

SONO TRASCORSI 5 ANNI DAL PONTIFICATO DI PAPA FRANCESCO: SIAMO PARTITI DAL “BUONASERA” DEL 13 MARZO 2013 FINO AD ARRIVARE ALLE PERIFERIE DEL MONDO

Siamo partiti dal “Buonasera” del 13 marzo 2013, fino  ai pianti con le vittime della pedofilia, dai viaggi nelle periferie del pianeta , all’accelerazione nel cammino ecumenico e interreligioso al

ultimissime

Conte esclude altri governi: “La mia esperienza termina qui. Bisogna individuare gli interessi degli italiani e perseguirli “

Il premier Conte a Lecce non pensa ad una nuova esperienza di governo né ad una strategia per salvare il Movimento 5 stelle. “Io personalmente l’ho detto, non ho la

ultimissime

RENZI.”LA MIA IMPRESSIONE E’ CHE CE LA GIOCHIAMO SUL FILO DEI VOTI. E’ GIUSTO MODIFICARE UN SISTEMA CHE NON FUNZIONA.”

Ultime ore di campagna elettorale, con i comizi di chiusura, per il referendum sulla riforma costituzionale. “La mia impressione è che ce la giochiamo sul filo dei voti”, ha detto a

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi