NAPOLI : UN ALBERO DI 50 METRI FATTO DI FILO DI RAME NELLA HALL DELL’HOTEL MEDITERRANEO

Napoli si arricchisce di un albero di natale da guiness, ovvero parliamo di 50 metri quelli del filo di rame colore ottanio utilizzato dall’artista spagnola , Ana Soler, per l’originale allestimento nella hall dell’hotel Mediterraneo a Napoli. L’opera “Christmas Endless Lights – Tramas de Luz” e’ la terza installazione ospitata negli ultimi anni negli spazi dell’hotel che hanno fatto da location per diversi artisti tra i quali Lello Esposito, Riccardo Dalisi e Marco Ferrigno. Oltre all’albero la hall ospita una grande matassa sempre dello stesso colore verde-azzurro che, sospesa al soffitto, accompagna i clienti dall’ingresso fino alla reception. L’artista ha spiegato che:  ”Un mix di fili aggrovigliati che rimanda alla napoletanità, alla ricerca di una via d’uscita dalle difficoltà affidandosi alle proprie capacità ma anche e soprattutto alla speranza, al legame tra reale e divino, che a Natale è ancor più forte”.

Previous CASTEL DELL'OVO ,ARRIVA IL PROGETTO "POSTCARDS FROM PARADISE" A CURA DI MARINA GUIDA!
Next CHAMPIONS LEAGUE ,LE SQUADRE QUALIFICATE AGLI OTTAVI : TANTE CONFERME E QUALCHE SORPRESA!

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

La memoria ( labile) degli italiani

Nel giugno 2006  ci recammo alle urne per pronunciarci sulla riforma costituzionale proposta dalla maggioranza berlusconiana. Votarono il 54%  degli elettori ( la più alta percentuale per un referendum costituzionale 

Approfondimenti

Rischio intossicazione da tonno rosso. Ministero della Salute rilancia l’avviso ai consumatori per il rischio d’intossicazione alimentare

Nei giorni scorsi è stata forte l’allerta nel Nostro Paese per i numerosi casi d’intossicazione verificatisi in Spagna per l’insorgenza di focolai di sindrome sgombroide, connessi al consumo di tonno

Approfondimenti

Perché tre giorni di digiuno possono essere benefici per la salute

Secondo un nuovo studio, tre giorni di digiuno possono rinnovare completamente il nostro sistema immunitario. La scoperta, fatta da ricercatori presso l’Università di Southern California, è descritta come “eccezionale”.  Anche

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi