Nasce l’advisory board del Museo e Real Bosco di Capodimonte.

Il Cda del Museo e Real Bosco di Capodimonte, composto da Sylvain Bellenger, Fabrizio Pascucci, Giorgio Ventre e Maurizio di Robilant ha deciso di creare un advisory board che accompagnerà e condividerà la politica culturale del direttore Sylvain Bellenger, aiutandolo nella sua elaborazione e realizzazione, con particolare attenzione per il fundraising internazionale e i rapporti con le imprese.
“Per accompagnare il Museo e Real Bosco di Capodimonte nel XXI secolo e avvicinare questa grandissima istituzione culturale alle migliori realtà imprenditoriali italiane e napoletane abbiamo deciso di creare un advisory board. Sono lieto di annunciare che l’imprenditore Giovanni Lombardi, presidente e fondatore del Gruppo Tecno ha accettato il ruolo di presidente” ha affermato il direttore Bellenger nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto Rivelazioni – Finance for Fine Arts di Borsa Italiana. L’advisory board al momento è composto dal notaio Fabrizio Pascucci, già membro del Cda di Capodimonte, dall’architetto Gennaro Matacena, da Mariella Pandolfi docente di Antropologia all’Università di Montreal membro incaricato per il fundraising internazionale e dall’imprenditore Gianfranco D’Amato, noto per la sua generosità e la sua competenza nell’arte contemporanea.”

 

Previous Cambio di guardia alla presidenza al Consiglio dei Ministri dell’Unione Europea
Next NAPOLI , PRESENTATO IL PIANO D'AZIONE PER I DIRITTI UMANI

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Società moderna: evoluzione o involuzione? Veramente basta un selfie?

Siamo ufficialmente nell’era del Selfie. La tecnologia ha praticamente sostituito, ostruito le vecchie vie di comunicazione, ha cambiato i modi di fare. Oggi si conosce attraverso le emoticon, si apprezza

Officina delle idee

Un nuovo Iraq, un nuovo mondo

L’Iraq è nel caos, insanguinato da un nuovo esercito combattente, che si dichiara estraneo ad al-Qaeda ma che opera con l’obiettivo ultimo di instaurare uno stato islamico nel Paese che

Officina delle idee

ELIO PARIOTA:” LE REGOLE AUREE DELLA TV SPAZZATURA! CON BUONA PACE DELL’ETICA E DELLA CULTURA!”

Non guardo i reality show. Li considero – forse troppo superficialmente – gli alfieri di quella “tv spazzatura” che narcotizza la coscienza collettiva. In questa corsa all’audience, alla misurazione dello

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi