NEL 2018 SCATTA LA PARIFICAZIONE DELL’ETA’ PENSIONABILE NEL SETTORE PRIVATO, OVVERO UOMINI E DONNE ARRIVERANNO A 66 ANNI E SETTE MESI

Scatta nel  2018 la parificazione per l’età per la pensione di vecchiaia tra uomini e donne, ovvero  da gennaio le donne del settore privato dovranno aspettare un anno in più per la pensione di vecchiaia arrivando a 66 anni e sette mesi, così come già accade per gli uomini e le donne del pubblico. A questo incremento, a meno che non si sia impegnati in una delle 15 categorie di lavori gravosi identificati dal Governo, si aggiungerà un nuovo incremento di cinque mesi nel 2019 legato all’incremento della speranza di vita. Per le donne l’età di vecchiaia aumenterà di ben  7 anni.
L’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia sarà già nel 2018 la più alta in Europa (ad esclusione della Grecia) e il divario si accrescerà ancora nel 2019 con il passaggio a 67 anni. dando uno sguardo all’estero in Germania e’ previsto il passaggio a 67 anni per l’uscita nel 2030, in Francia dopo il 2022 e nel Regno Unito nel 2028.

Previous MONDIALE PER CLUB ,REAL MADRID-GREMIO:1-0.I BLANCOS CONQUISTA IL TROFEO GRAZIE ALLA MAGIA DI RONALDO!
Next PAPA FRANCESCO COMPIE 81 ANNI, MATTARELLA:" I PIU' SENTITI AUGURI , DEGLI ITALIANI TUTTI E MIEI PERSONALI "

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Dai trasporti ai tabaccai: tutte le attività escluse dalla nuova stretta del governo

Conta circa una settantina di voci la lista provvisoria delle attività che resteranno aperte con l’entrata in vigore delle nuove misure restrittive annunciate dal premier Giuseppe Conte per affrontare l’emergenza coronavirus. Continuano a operare tutte le filiere ritenute

Economia e Welfare

ISTAT: A TRAINARE LA CRESCITA SU BASE ANNUA SONO GLI AUMENTI DEI BENI DI CONSUMO

A novembre 2017, l’indice destagionalizzato della produzione industriale segna una variazione nulla rispetto a ottobre, cresce invece del 2,2% su novembre 2016 nei dati corretti per gli effetti di calendario.

Economia e Welfare

Cgil: 4,5 milioni occupati in area disagio

Nel quarto trimestre 2017 le ore lavorate sono state 667 milioni in meno rispetto al primo trimestre 2008 (-5,8%) mentre le unità di lavoro a tempo pieno sono circa il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi