NEL MERIDIONE VIVONO DI POVERTA’ ASSOLUTA 970MILA MINORI.DIRITTI ADOLESCENTI:SERVE UNA SCOSSA!

di Samuele Ciambriello
I maltrattamenti e gli abusi sessuali sui minori, le morti innocenti, le scomparse, la loro presa in carico dai servizi sociali sono sotto gli occhi di tutti. Ben 100mila bambini sono presi in carico ogni anno dai Servizi Sociali italiani esclusivamente per maltrattamenti ed abusi sessuali. Se ad essi si aggiungono i casi di minori presi in carico per altre cause il numero sale a 150mila. Poi abbiamo i minori sui quali incide negativamente la povertà economica.Una situazione che si è aggravata negli ultimi 15 anni nel Meridione.Vivono di povertà assoluta circa 970mila minori. Lavoro minorile:i minori tra i 7 e i 15 anni con una qualche esperienza di lavoro sono stimabili in circa 340mila.Quasi il 7% della popolazione in età. Questi sono alcuni bollettini di guerra e di inciviltà socio-economica monitorati dal gruppo Crc,un network di associazioni.
Nel loro ultimo Rapporto  si evidenziano i problemi dovuti alla perdurante latitanza di politiche dell’infanzia.  Ma si sa i minori non votano, non protestano, non scioperano, non hanno sindacati!

Certo il sistema del welfare è legato alla carenza di risorse, allo spezzettamento delle funzioni riferite all’infanzia e all’adolescenza in più Ministeri,alle funzioni delegate alle Regioni. Ma se va bene,sull’onda dell’emotività,si effettuano interventi tampone, confusi, senza processi di coordinamento e di una visione strategica complessiva.
Ma Premier, deputati, ministri, consiglieri regionali ,amministratori locali con un pò di buon senso,di sensibilità e di consapevolezza pubblica li possiamo trovare?

I diritti dell’infanzia non sono secondari.I diritti degli adolescenti sono prioritari per costruire una società a misura d’uomo. Anche il gioco e lo sport sono diritti negati,spesso le scuole non sono luoghi idonei ad attività ludiche,spesso le scuole non hanno sia la certificazione di agibilità,sia un sistema di protezione e di prevenzione per violenze e spaccio di droga.E i comuni che fanno per lo sport?
E il diritto allo studio,il tempo pieno delle scuole? Abbiamo un sistema di istruzione antiquato,con un sensibile tasso di dispersione scolastica.Certo ci sono lodevoli eccezioni.Meno male. Per fortuna rimane l’impegno garantito di alcune Istituzioni,del terzo Settore,del Volontariato,della Chiesa.
La situazione attuale è molto critica,manca anche un Piano nazionale per l’Infanzia. Serve una scossa!

Previous LE PAROLE DI SARRI POST NAPOLI –INTER : “ E’ STATO UN GRANDE NAPOLI ! SIAMO STATI PIU’ CATTIVI SIA IN ATTACCO CHE IN DIFESA “
Next LA REGGIA DI CASERTA S’ILLUMINA PER NATALE : BIGLIETTI DAL 7 DICEMBRE AL 6 GENNAIO

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Il pensiero di Di Maio su Salvini: “Lascia il tempo che trova. Quello che dice non conta più nulla”

La crisi di Governo fa sempre più parlare. Luigi Di Maio ha lasciato una lunga intervista dove non è mancato il suo commento personale su tutto quello che sta succedendo,

ultimissime

PASSA ALLA CAMERA LA LEGGE CHE OBBLIGA DI INDICARE IN ETICHETTA L’ORIGINE DI TUTTI GLI ALIMENTI

Lopa: Ora bisognerà impegnarsi nel garantire gli standard qualitativi del prodotto ed investire, attraverso la sinergia con le istituzioni preposte ai Distretti Agroalimentari della Campania per dare un nuovo impulso

ultimissime

DAVOS, MERKEL: ” OGGI 100 ANNI DOPO LA CATASTROFE DELLA GRANDE GUERRA, DOBBIAMO CHIEDERCI SE ABBIAMO IMPARATO LA LEZIONE DELLA STORIA. L’UNICA RISPOSTA E’ LA COOPERAZIONE E IL MULTILATERALISMO”

“Oggi, 100 anni dopo la catastrofe della Grande Guerra, dobbiamo chiederci se abbiamo davvero imparato la lezione della storia, e a me pare di no. L’unica risposta è la cooperazione e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi