Neonato muore in ospedale per aver contratto un batterio

“Presso il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ASST Spedali Civili di Brescia si è sviluppato un focolaio epidemico di infezione/colonizzazione da Serratiamarcescens, caratterizzato da tre casi di sepsi neonatale, un’infezione delle vie urinarie e sei casi di colonizzazione”,  rende noto la direzione degli Spedali civili di Brescia dove un neonato è morto a causa di un’infezione dal batterio Serratiamarcescens.

Il bimbo, nato prematuro da una coppia bresciana, era ricoverato anche con il gemellino che pure avrebbe contratto il batterio così come altri bambini presenti nello stesso reparto di patologia neonatale. Il decesso è avvenuto nella giornata di martedì.

Sarà l’autopsia disposta dalla procura di Brescia che ha aperto un’inchiesta contro ignoti, a stabilire le cause esatte del decesso del neonato morto martedì agli Spedali Civili di Brescia. Sarebbero complessivamente otto i neonati infettati dal virus che, si contrae in ambito ospedaliero. I bambini sono ricoverati in terapia intensiva .

Previous PREMIER LEAGUE , CHELSEA-HUDDERSFIELD :3-0. OTTIMO ESORDIO PER SARRI
Next ITALIA ,INCENTIVI PER SALVARE IL SUOLO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Alberto Angela è un cittadino onorario di Pompei

Alberto Angela, giornalista e divulgatore scientifico tra i più apprezzati e seguiti d’Italia, è cittadino onorario di Pompei: approvata all’unanimità la proposta di conferimento presentata dal sindaco Pietro Amitrano. Le

Qui ed ora

NAPOLI: UN UOMO DI 74 ANNI RESTA FERITO DA ALCUNE SCHEGGE DI PROIETTILE FINITE NELLA PROPRIA CASA

Un uomo di 74 anni è stato lievemente ferito da alcune schegge di proiettile finite nella sua abitazione durante una “stesa” (sparatoria intimidatoria della camorra) della camorra, avvenuta la scorsa

Qui ed ora

Immigrazione: Grillo incolpa Renzi

“Renzi è politicamente responsabile del disastro immigrazione. Con il suo governo è entrata in vigore l’operazione Triton che autorizza le navi di 15 Stati europei a pattugliare il Mar Mediterraneo”.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi