Odio contro gay e trans: è reato, possibile nuova legge in Parlamento

Oggi domenica 28 giugno ricorre l’anniversario dei moti di Stonewall, una serie di violenti scontri avvenuti nel 1969 tra polizia e omossesuali newyorkesi, considerati simbolicamente il momento di nascita del moderno movimento per i diritti civili. Per questo motivo il 28 giugno è stato scelto dal movimento LGBT come data della “giornata mondiale dell’orgoglio LGBT” o “Gay pride”. Cinquantunno anni dopo quella scintilla, anche l’Italia potrebbe dotarsi della prima legge che contrasti violenza e discriminazione per motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Il testo, che sarà depositato martedì alla Camera, propone di ampliare l’attuale “legge Mancino” che già oggi punisce i reati di “odio” per ragioni razziali, etniche, religiose o legate alla nazionalità: finalmente rischierà fino a quattro anni di carcere anche chi discriminerà persone gay e trans.

“In Parlamento c’è una maggioranza compatta e decisa ad approvare la legge che introduce anche del reato di ‘misoginia’, ossia di odio contro le donne” spiega il relatore del testo, Alessandro Zan, a La Repubblica.”In Italia esiste un serio problema di razzismo e discriminazione verso le persone omosessuali e transessuali”. Contro la legge sono schierati i movimenti Pro-life e i vescovi della Conferenza episcolpale, che parlano di “bavaglio” sulla possibilità di criticare forme di famiglia, sessualità e amore delle comunità Lgbt. Ma Zan spiega che non sarà vietato, dire che l’unica famiglia sia quella formata da padre e madre, ma saranno vietate azioni che portano all’odio verso le famiglie arcobaleno. “Nella legge c’è un’ampia parte dedicata alla prevenzione – aggiunge Zan – dalla giornata contro l’omofobia alle case rifugio per giovani Lgbt cacciati dalle famiglie e perseguitati“.

Secondo un rapporto pubblicato dell’Agenzia europea dei diritti fondamentali (Fra), l’Italia è fra i primi paesi con indice di discriminazione più alto, mentre si segnala l’assenza di una legge contro l’odio e la discriminazione, presente, fra l’altro, in tutti quasi tutti i paesi Ue.

Un esempio recente viene dalle polemiche montate a Padova sul cosiddetto “ponte arcobaleno“, riporta Today: l’amministrazione del capoluogo veneto ha infatti ridipinto dei colori Lgbt il marciapiede del Ponte Garibaldi, accesso al centro città per chi arriva dalla stazione. “Un lavoro che non è ancora terminato ed è già scoppiato il finimondo” come scrive Padovaoggi spiegando come fino ad ora si vedono solo i colori della bandiera arcobaleno, quando tutto sarà terminato invece si potrà leggerci sopra anche una scritta.

Previous Kate Middleton: "giardiniera" per una giusta causa
Next Desamentasone: un farmaco capace di ridurre la mortalità per la covid-19

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

GRILLO:”CARA VIRGINIA HAI LA MIA STIMA,CHI STA CON TE,STA CON IL MOVIMENTO.E VICEVERSA.”

“Cara Virginia, ti scrivo pubblicamente”. Beppe Grillo, sul suo blog, pubblica una lettera rivolta alla sindaca di Roma Virginia Raggi: “Hai la mia stima, sto con te“, scrive tra le

ultimissime

SHOAH:ABBIAMO LA MEMORIA LUNGA.NUMERI E FATTI DI UNA FOLLIA,DI UN GENOCIDIO,DI UN ORRORE.

Il 27 Gennaio di ogni anno si celebra la Giornata della memoria,una delle pagine più tristi della nostra storia.  Anniversario della liberazione del lager di Auschwitz. Numeri e fatti di

ultimissime

Le consultazioni al Quirinale. Di Maio: “Non lasciamo la nave affondare”.| Salvini: “la via maestra è il voto, ma se i ‘no’ diventano ‘sì’ non porto rancore, noi siamo pronti a ripartire”

Si sono concluse le consultazioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Quirinale. Gli ultimi ad incontrare il capo dello Stato sono stati i 5 Stelle. Il Colle si è preso due

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi