OK DELL’UE ALLA MANOVRA BIS :”L’ITALIA HA RISPETTATO LE REGOLE “

“L’Italia conferma che le misure di bilancio addizionali richieste per il 2017 sono state prese e che quindi, in questa fase, nessun passo ulteriore è giudicato necessario per rispettare la regola del debito”, scrive la Commissione Ue nel pacchetto di primavera che contiene l’analisi dei conti pubblici e le raccomandazioni. Bruxelles non ritiene ci siano le condizioni nemmeno per una procedura per squilibri macroeconomici, se si applicano le riforme raccomandate. Gli impegni sulle riforme descritti nel Programma nazionale di riforma (PNR) sono “sufficientemente ambiziosi, ma l’assenza di dettagli sull’adozione e di un calendario dell’attuazione limita la loro credibilità”, scrive la Commissione Ue a proposito di Italia, Portogallo e Cipro. Bruxelles spiega che “non c’è base per portare avanti una procedura per squilibri, purché ci sia una implementazione piena delle riforme” raccomandate. Bruxelles , oltre a chiedere di rafforzare la contrattazione collettiva per tenere conto delle situazione locali , incalza l’Italia perché reintroduca l’Imu per redditi alti. Per il 2018, afferma, l’Italia dovrà fare uno “sforzo di bilancio sostanzioso”, e le politiche dovranno sia “rafforzare la ripresa” che assicurare la sostenibilità dei conti”: lo scrive la Commissione Ue nelle raccomandazioni. Per questo chiede di “spostare il carico fiscale dai fattori produttivi a tasse meno dannose per la crescita, reintrodurre la tassa sulla prima casa per i redditi elevati, riformare il catasto”. Padoan contrario, non è buona idea cambiare Imu sulla prima casa.  La raccomandazione della Commissione sull’ Imu per i redditi alti “è una delle tante proposte” ma “le riforme fiscali vanno viste nel loro insieme ed io direi che cambiare idea su una tassa che è stata appena cambiata da pochi mesi non è una buona idea”. Così il ministro dell’economia, Piercarlo Padoan, risponde – all’arrivo all’Eurogruppo a Bruxelles – ai giornalisti che chiedono un commento sulla raccomandazione dell’esecutivo Ue.  Il Ministro spiega inoltre che dalle raccomandazioni della Commissione europea per l’Italia e gli altri paesi “mi sembra che emerga un quadro positivo”.  “Le riforme si continuano a fare – aggiunge – Bisogna implementarle e bisogna farne di altre. Siamo assolutamente d’accordo: la crescita ancora non ci soddisfa ma migliora. Poi, soprattutto, bisogna tenere la politica di bilancio in una strada stretta tra consolidamento e sostegno alla crescita.  E un richiamo arriva anche sulla giustizia e sulla riforma del Pubblico Impiego: “Ridurre la lunghezza dei processi della giustizia civile tramite un’efficace gestione dei casi e regole che assicurino la disciplina della procedura”, è scritto nelle Raccomandazione della Commissione all’Italia. Restando nel campo della giustizia, l’esecutivo chiede anche di “aumentare la lotta contro la corruzione, in particolare rivedendo lo statuto delle limitazioni”. Inoltre Bruxelles chiede il “completamento della riforma del pubblico impiego” e di “migliorare l’efficienza delle aziende pubbliche”.

Dal sito “L’Ansa”

Previous GLOBULI AZZURRI, XAVIER JACOBELLI: “SCUDETTO? TRATTENERE I MIGLIORI. NAPOLI E ROMA HANNO QUASI COLMATO IL GAP CON LA JUVE”
Next TEATRO SANCARLUCCIO , I VARI SPETTACOLI : DAL "PENSACOMICO SHOW" FINO AL CONCERTO DE "I SOLELUNA"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

CAMPANIA :LE BUONE PRATICHE IN SANITA’ PENITENZIARIA

Giovedì 22 Febbraio alle ore 11 preso la Sala Convegni del Centro Penitenziario “P.Mandato” Secondigliano ,si terrà il Convegno “CAMPANIA :LE BUONE PRATICHE IN SANITA’ PENITENZIARIE “ ,organizzato dal Garante

Economia e Welfare

LA REGIONE CAMPANIA ATTUA IL PIANO PER L’ EDILIZIA SCOLASTICA DESTINATO AI COMUNI, CON CIRCA 170 MILIONI DI EURO

Sara’ attuato il programma per l’edilizia scolastica della Regione Campania destinato ai Comuni, con  le delibere approvate dalla Giunta Regionale. Ragion per cui vengono destinati circa 170 milioni di euro

Economia e Welfare

Crediti maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione: nuove regole e nuove scadenze

“L’Italia è in recessione”, “Il PIL è calato dello “0,2%”, “gli 80 euro non hanno prodotto gli sperati effetti sull’economia italiana”. I titoli dei giornali e i commenti dei media

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi