OLIVIA NEWTON-JOHN, ASTA PER IL LOOK DI GREASE

Un’icona, un mito. Olivia Newton John, che nella scena finale del musical “Grease”, si trasforma in ragazza rock infilandosi un paio di leggins e il chiodo di pelle, è stata riferimento e romantica fonte di ispirazione per milioni di donne. Per accaparrarsi quei due capi d’abbigliamento così leggendari, messi all’asta a Los Angeles, sono stati sborsati ben 405.700 dollari, più del doppio della stima iniziale.

Il ricavato della collezione dell’artista australiana, oggi 71enne, andrà a finanziare la Fondazione Onj, da lei stessa realizzata anni fa, per la ricerca, le cure, anche psicologiche, contro il cancro di cui la stessa attrice-ballerina soffre ciclicamente dal 1992, quando le fu diagnosticato un primo tumore al seno (oggi è in lotta con la terza recidiva). Il giubbotto di pelle e i pantaloni attillati indossati da Sandy per sedurre Danny nella scena finale di Grease (1978) sono stati venduti all’asta per 405.700 dollari, più del doppio della stima iniziale. Ad aggiudicarseli un compratore rimasto anonimo, collezionista evidentemente affezionato al film musicale che fece ballare una generazione.

Previous Francesca Pascale: "La mia storia con il Presidente è un miracolo. Sono quindici anni che stiamo insieme, fosse stata una relazione di puro calcolo sarebbe già finita"
Next PELLICCE AL BANDO, LA CALIFORNIA PRIMO STATO CON DIVIETO DI VENDITA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo presenta il nuovo progetto in collaborazione con Medici con l’Africa Cuamm e Università Cattolica.

È stato presentato martedì 26 giugnoall’Università Cattolica di Piacenza il nuovo progetto “Nutrire di cibo e conoscenze le comunità dei distretti di Moroto e Napak”che partirà il 1° luglio 2018 in Karamoja – Uganda, dove

Approfondimenti

SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE IN ABITI, SCARPE, TENDE, ZAINI, CORDE E PERFINO SACCHI A PELO PER GLI SPORT ALL’APERTO. SOTTO ACCUSA I MARCHI THE NORTH FACE, PATAGONIA, MAMMUT, SALEVA E COLUMBIA, LO DICE UNO STUDIO DI GREENPEACE

    Abiti, scarpe, tende, zaini, corde e perfino sacchi a pelo dei principali prodotti per gli sport all’aperto di celebri marche contengono sostanze altamente tossiche. È quanto emerge da

Approfondimenti

Coronavirus e scuola, quello che si può e quello che non si può fare da casa

Per ora è una possibilità, ma una possibilità reale. Le scuole, i nidi, le materne e le università sono chiusi fino al 15 marzo. La chiusura potrebbe però essere prorogata almeno fino

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi