Omaggio ad Antonio De Curtis , in arte Totò: 50 anni dopo , “Totò arte e umanità”.

Grande attore, comico, poeta , cantante , drammaturgo e chi più ne ha più ne metta. Antonio De Curtis, è stato per anni al centro di critiche sia negative che positive.  Infatti per anni la carriera da attore del grande Totò è stata boicottata dai molti critici  che hanno tentato di far cadere l’attore nel buio. Fu una vera e propria montagna da scalare per la carriera artistica  del “principe della risata” ma che alla fine è riuscito a scavalcare e a restare nella storia e nella memoria di tutti in modo benevolo ed esemplare.

Ed ecco che dopo 50 anni dalla scomparsa del grande Totò, il principe della risata, la Fondazione Campania dei Festival , presieduta da Luigi Grispello  ,ha preparato in suo onore , un ricco programma televisivo su Rai 2,il giorno 16 aprile, con la  ricostruzioni dei suoi set, spettacoli e concerti da aprile a luglio con il coinvolgimento del suo amato quartiere, la Sanità.

L’iniziativa è stata promossa  dalla Regione Campania con il titolo “Totò arte e umanità” , avrà inizio  il giorno  15 aprile,  data della scomparsa di Totò, in collaborazione con Teatri Uniti: a Roma, Milano e Napoli saranno proposti alcuni set con il riallestimento site-specific di scene famose.

Si realizzerà nei luoghi originali delle maggiori città italiane un innovativo esperimento trans mediale , utilizzando il linguaggio proprio del cinema, del teatro e del web, mettendo in scena sequenze ironiche della storia del cinema , in omaggio a Totò. Lo stesso giorno (ore 10.30) sarà inaugurata l’installazione – Monolite di Giuseppe Desiato in Largo Vita alla Sanità, dal titolo “Totò l’uomo tutto d’un pezzo che ha lasciato un grande vuoto”.

Per  continuare questa sorta di  re-staged , domenica 16 aprile , andrà in onda in seconda serata su Rai 2 lo speciale : “ il nostro Totò” , programma di Ugo Porcelli, Marco Giusti , Luca Rea ,Fabrizio Corallo e Gino Aveta , condotto da Serena Rossi  e la partecipazione  di molti ospiti .

Ad essere entusiasta per il ricordo del grande attore Antonio De Curtis è il Rione Sanità di Napoli, luogo di nascita di Totò,  che sarà coinvolto , grazie alla fondazione di Comunità San Gennaro, con una serie di spettacoli: Marco Zurzolo (il 10 maggio, ore 21), Valentina Stella (il 3 giugno, ore 21), sino al concerto – “Benvenuti al Rione Sanità” (l’1 luglio, dalle ore 21) per la direzione artistica di Alessandro Siani, con Francesco Cicchella, Clementino, Pasquale Palma, Rosalia Porcaro, Andrea Sannino, e con l’orchestra Sanitansamble .

Sono  due le prime assolute: il 27 aprile (con replica il 28), al Teatro Trianon Viviani di Forcella, ‘Totò che tragedia!’, un recital, ideato e interpretato dai Virtuosi di San Martino. Sabato 6 maggio, all’Auditorium della RAI di Napoli, ‘La Sinfonia di Totò’, una fantasia musicale di autori vari, ideata e orchestrata da Federico Odling con Luciano Saltarelli e la Nuova Orchestra Scarlatti e la partecipazione di Angela Luce.          

A giugno, martedì 20 e mercoledì 21, “per rafforzare quella linea obliqua che ancora oggi lega il nostro presente all’arte di Totò”, spiega Lucio D’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa:  l’evento “Diagonale Totò” a cui si affiancherà un convegno internazionale di studi, in tre sessioni coordinate dai professori: Emma Giammattei, Marino Niola e Valerio Caprara, dedicato all’intera produzione dell’artista. Una performance digitale farà dialogare attori contemporanei.

 Al centro di tutto questo ci sarà l’immortale, inimitabile, linguaggio del grande Totò, che dopo 50 anni dalla sua morte è ancora vivo nel cuore di molte persone ma soprattutto nel cuore della sua cara e amata Napoli. Ricordo che non cesserà mai di esistere , passerà da generazione a generazione perché un attore di tale portata, sia artistica che umana, non potrà mai essere sotterrata con tanta facilità. Del resto Antonio De Curtis, in arte Totò,  è stato ed è ancora il Principe della  risata ma soprattutto è stato esempio di umiltà e umanità per tutti noi.

Esposito Maria Carolina

Previous STORIA DELL’ISOLA DI VIVARA : IL GIOIELLO CHE UNISCE PROCIDA ED ISCHIA
Next Rostan: "Lavoro, innovazione e sviluppo anche al Sud! Articolo uno, si riparte per crescere!"

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

La lingua napoletana: un patrimonio imprescindibile

L’eterno quesito “Il napoletano è una lingua o un dialetto?” rappresenta uno dei temi più dibattuti di sempre, particolarmente a cuore dei cittadini di Napoli e dei suoi estimatori. Volendo

Cultura

Al TEATRO IZZO di Caserta, ci sarà l’associazione teatrale SOLIDARITYTHEATRE, CON “LA VEGLIA DEI SOGNI… IL SOGNO CONTINUA”

Al TEATRO IZZO di Caserta, in via J.F. Kennedy presso la Chiesa di Lourdes, a fine anno ci sarà uno spettacolo molto particolare scritto e diretto da Elvira Del Monaco,

Cultura

Il 14 novembre al museo Madre di Napoli, aprirà al pubblico la mostra di Boris Mikhailov

Il 14 novembre prossimo aprirà al pubblico, al museo Madre di Napoli, la mostra di Boris Mikhailov, “Io non sono io” , a cura di Andrea Viliani e Eugenio Viola. Giovedì

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi