Onu interviene: La Gran Bretagna lasci le isole Chagos

 

Secondo quanto riferisce la BBC, le Nazioni Unite hanno approvato una risoluzione in cui  si chiede alla Gran Bretagna di restituire entro sei mesi a Mauritius le isole Chagos, un piccolo arcipelago nell’Oceano Indiano a sud delle Maldive dove ha sede fra l’altro una base americana.  La risoluzione, comunque non vincolante per il Regno Unito, è stata approvata dall’assemblea generale a New York con i voti di 116 Stati a favore e solo sei contrari. Cinquantasei Stati, tra cui Francia e Germania, si sono astenuti. Il rappresentante di Mauritius ha ricordato di aver dovuto cedere quel territorio, ora britannico, nel 1965 in cambio dell’ indipendenza del Paese e che per far posto alla base militare, la Gran Bretagna deportò tutti gli abitanti dell’arcipelago. Il foreign office, da parte sua, ha affermato di non riconoscere la sovranità di Mauritius sulle Chagos, ma si è detto disposto ad impegnarsi a restituirle “quando non saranno più necessarie a scopi di difesa”. 

Previous Napoli è arte. Al Maschio Angioino le 'Irrealtà visibili'.
Next POPOLO DI DIO DOVE SEI? PAPA FRANCESCO CHIAMA E L'ASS.DEI PRETI SPOSATI "VOCATIO" RISPONDE. UNA TRE GIORNI A ROMA.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Terremoto: Scotto: “Sono anni che predichiamo la necessità di un Piano Nazionale di cura del territorio”

“Bisogna uscire dalla logica dell’emergenza. Il tempo è poco e sappiamo che 24 milioni di cittadini italiani vivono in zone fortemente sismiche. Sono anni che predichiamo la necessità di un

Officina delle idee

Napoli accoglie Giuseppina Torre, la musicista che ha conquistato l’America. Tutto pronto per il grande evento . Special guest il soprano Angela Gragnaniello

E’ tutto pronto per il grande evento di domani, giovedì 5 luglio, che vedrà come protagonista una delle musiciste italiane più apprezzate a livello internazionale. La compositrice e pianista di

Officina delle idee

Marco Santin a “Dritto al punto”: “Siamo svuotati anche noi senza pubblico, credo che le interviste tramite skype, ormai diventate di consuetudine, possano continuare anche una volta tornati alla normalità”

“Siamo svuotati anche noi, nel senso che siamo fermi. Abbiamo fatto due puntate delle Iene senza pubblico, diciamo il nostro è un programma che può farsi anche senza studio ma

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi