OPEN DAY PROGETTO SPERIMENTALE ADOLESCENTI

Giovedì 16 maggio, dalle ore 17.30, presso il Museo Masseria Luce sito in via Comunale Luce 23 (San Pietro a Patierno, Napoli), si terrà l’Open Day del “Progetto Sperimentale rivolto agli adolescenti”, promosso e finanziato dall’Assessorato al Welfare, Servizi e Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Napoli. Il progetto, che prende il nome di RGM – Radio Grafica Musica, si propone per il secondo anno consecutivo di offrire delle opportunità di espressione e di protagonismo agli adolescenti attraverso l’apertura di tre Spazi sul territorio della VII Municipalità (Miano – Secondigliano – San Pietro a Patierno), predisposti come luoghi di aggregazione in cui i ragazzi possano incontrarsi e riunirsi per costruire e progettare attività con l’aiuto di esperti ed educatori. In rappresentanza del Comune di Napoli durante l’evento interverrà l’assessore alle Politiche Sociali Roberta Gaeta.

Grazie alla rete di cooperative composta da L’Uomo e il Legno (capofila), ERA, Il Grillo Parlante e il Quadrifoglio, sono stati attivati diversi percorsi in tre strutture poste sul territorio, dei veri e propri incubatori creativi, forniti di tutti i supporti materiali necessari, che offrono attività artistiche con esperti competenti ed operatori con funzione educativa, allo scopo di guidare i giovani del territorio in percorsi finalizzati allo sviluppo della loro autonomia e del protagonismo: non dei semplici spazi, ma dei veri e propri “spazi-per-fare“ in cui, attraverso il learning-by-doing, i ragazzi sperimentano il co-working come pratica funzionale ed adattiva.

L’Open Day sarà l’occasione per i partecipanti al progetto di mostrare alla cittadinanza e al territorio sia i risultati dei loro sforzi ma soprattutto le potenzialità degli spazi cittadini dedicati agli adolescenti: i ragazzi che finora hanno partecipato ai laboratori, come ad esempio quello dedicato alla Street Art o alla Web Radio, mostreranno soprattutto ai più giovani come poter partecipare attivamente al progetto e come poter incominciare un percorso sì ricreativo ma soprattutto formativo.

I tre Spazi del Progetto:

A Miano lo spazio si trova a Mianville, bene confiscato alla camorra riqualificato dalla cooperativa Il Quadrifoglio, dove è operativa la web-radio del progetto, attraverso cui gli adolescenti possono acquisire un utile bagaglio di formazione culturale attraverso la musica, utilizzando specifici strumenti per comunicare con tutti gli ascoltatori le proprie emozioni, i loro punti di vista e le informazioni da loro raccolte sui diversi argomenti che vorranno affrontare.
Nello spazio di Secondigliano, ubicato presso l’asilo PizzoRusso, nel centro storico del quartiere, è attivo un percorso di comunicazione grafico-pittorica attraverso la valorizzazione del writing come forma d’arte innovativa offrendo la possibilità di esprimersi attraverso la street-art, imparando a realizzare graffiti e murales allo scopo di realizzare opere che possano essere la loro voce nella città.
Infine la sede di San Pietro a Patierno, all’interno della Masseria Luce, vede la presenza di due corsi, uno dedicato alla Street Music&Percussioni e uno al Fashion Design, con la finalità di educare gli adolescenti nei settori della musica e della moda, donandogli gli strumenti base per iniziare a formare le proprie competenze.

Previous Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d'origine
Next La Settantaduesima edizione del festival di Cannes inaugurata da risate horror

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Villa Floridiana: ancora troppe aree interdette

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, fondatore su Facebook del  gruppo “Riappropriamoci della Villa Floridiana” , che conta 1.500 iscritti, torna ancora una volta sulle annose vicende della villa Floridiana,

Economia e Welfare

REGIONE CAMPANIA: PARTE LA RETE ONCOLOGICA REGIONALE PER IL TRATTAMENTO DEGLI EFFETTI COLLATERALI DEI CHEMIOTERAPICI

Parte la rete oncologica regionale. E’ stato infatti pubblicato il decreto che approva i criteri di qualità per la refertazione anatomo-patologica, per il trattamento di alcuni effetti collaterali dei chemioterapici

Economia e Welfare

LA TRACHEOTOMIA NON SARA’ PIU’ UN PROBLEMA GRAZIE ALLA RICOSTRUZIONE DELLA TRACHEA CON TESSUTI DELLA AORTA

Diversi pazienti che soffrivano di una tracheotomia possono ormai respirare normalmente grazie alla ricostruzione della loro trachea con tessuti provenienti dall’aorta. All’origine degli interventi, mai tentati prima, un’equipe chirurgica di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi