Operatori del 118 di Napoli sventarono suicidio di una ragazza. Domani, mercoledì 25 luglio, riceveranno un riconoscimento ufficiale dal Consiglio regionale della Campania in sala Nassiriya

Il 23 maggio scorso avevano evitato il suicidio di una ragazza che minacciava di lanciarsi da uno dei cavalcavia a ridosso del Centro direzionale e del Carcere di Poggioreale a Napoli e, per questo motivo, i tre riceveranno un riconoscimento ufficiale dal Consiglio regionale della Campania.
Così come raccontato dall’associazione Nessuno tocchi Ippocrate che racconta, giorno per giorno, le aggressioni, ma anche le buone notizie che arrivano dalla sanità campana, soprattutto per quanto riguarda le emergenze, il primo a tentare un approccio fu l’autista soccorritore che convinse la ragazza a parlare con l’infermiera che le si avvicinò e riuscì a darle un abbraccio che ‘sciolse’ la ragazza che accettò le cure del medico presente e poi del personale del pronto soccorso del San Giovanni Bosco.
La consegna delle targhe al dottor Ferdinando Catuogno, all’infemiera Anna Lombardo e all’autista soccorritore Giosué Perna avverrà mercoledì 25 luglio alle 12 nella Sala Nassyria del Consiglio regionale della Campania. Saranno presenti la presidente del Consiglio regionale, Rosa D’Amelio, e il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, che ha chiesto la concessione del riconoscimento ufficiale ai tre operatori del 118 di Napoli.

Previous Auto, vendite Europa +5,1% a giugno
Next Vico Equense ottava edizione di Arte & Orto Km 0

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Coree: al via il nuovo summit Moon-Kim a settembre

Le due Coree hanno concordato che il terzo summit tra i rispettivi leader, il presidente sudcoreano Moon Jae-in e il “supremo comandante” nordcoreano Kim Jong-un, si terrà a Pyongyang entro 

Qui ed ora

MATTARELLA:” GARANTIRE IL DIRITTO ALL’ACQUA SIGNIFICA AIUTARE LA PACE NEL MONDO”

“L’acqua è un diritto universale, e per garantire a tutti questo diritto serve un impegno corale, una collaborazione internazionale”. Cosi  afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella intervenuto alla giornata

Qui ed ora

PAOLO BORSELLINO, A VENTITRÈ ANNI DALLA SCOMPARSA

“È bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola” Sono parole di Paolo Borsellino, il magistrato

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi