Operatori del 118 di Napoli sventarono suicidio di una ragazza. Domani, mercoledì 25 luglio, riceveranno un riconoscimento ufficiale dal Consiglio regionale della Campania in sala Nassiriya

Il 23 maggio scorso avevano evitato il suicidio di una ragazza che minacciava di lanciarsi da uno dei cavalcavia a ridosso del Centro direzionale e del Carcere di Poggioreale a Napoli e, per questo motivo, i tre riceveranno un riconoscimento ufficiale dal Consiglio regionale della Campania.
Così come raccontato dall’associazione Nessuno tocchi Ippocrate che racconta, giorno per giorno, le aggressioni, ma anche le buone notizie che arrivano dalla sanità campana, soprattutto per quanto riguarda le emergenze, il primo a tentare un approccio fu l’autista soccorritore che convinse la ragazza a parlare con l’infermiera che le si avvicinò e riuscì a darle un abbraccio che ‘sciolse’ la ragazza che accettò le cure del medico presente e poi del personale del pronto soccorso del San Giovanni Bosco.
La consegna delle targhe al dottor Ferdinando Catuogno, all’infemiera Anna Lombardo e all’autista soccorritore Giosué Perna avverrà mercoledì 25 luglio alle 12 nella Sala Nassyria del Consiglio regionale della Campania. Saranno presenti la presidente del Consiglio regionale, Rosa D’Amelio, e il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, che ha chiesto la concessione del riconoscimento ufficiale ai tre operatori del 118 di Napoli.

Previous Auto, vendite Europa +5,1% a giugno
Next Vico Equense ottava edizione di Arte & Orto Km 0

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

CARPENTIERI (PD): “LE PRIMARIE APPREZZATE DA TUTTI”. GAMBARDELLA (PD): “NESSUNA STRATEGIA INCLUSIVA DA PARTE DEL PD VERSO BASSOLINO”

«Non se ne possono uscire così, è una presa in giro» sono le parole con cui Antonio Bassolino ha commentato a caldo, sul suo profilo Facebook, l’esito del suo secondo

Qui ed ora

A RIMINI RITORNA, PREPOTENTE, IL WEB MARKETING FESTIVAL

  Quando si parla di web, di digitalizzazione, l’Italia appare ancora arretrata, perché non si è ancora acculturato del tutto digitalmente. L’ignoranza informatica dilaga ed è spesso coltivata dai media

Qui ed ora

25 Luglio 1943. La Radio annuncia: “Il Re ha accettato le dimissioni da Presidente del Consiglio del cavalier Benito Mussolini”

Ero a Roma quel giorno. Sfollato da Napoli nel 1942 perché la mia casa venne distrutta dai bombardamenti. Dormivamo, la mia famiglia ed io, in un piccolo albergo che si

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi