Pace fatta tra il prefetto Carmela Pagano e don Maurizio Patriciello,il parroco della terra dei fuochi.

Le celebrazioni della Festa della Repubblica hanno fatto da paciere: stretta di mano tra il prefetto di Napoli Carmela Pagano e don Maurizio Patriciello, il parroco della Terra dei fuochi, durante la cerimonia di consegna delle medaglie d’onore conferite con decreto del Presidente della Repubblica.

Lo scontro tra i due risale al 2012 quando Pagano, allora prefetto di Caserta, fu protagonista involontario della lite tra il titolare a Napoli Andrea De Martino e il parroco di Caivano, che la appellò «signora» nel corso di un vertice anti camorra in cui parlò della piaga degli sversamenti illeciti di rifiuti tossici.

Pagano non fece una piega, ma De Martino si infuriò e chiede al prete di chiedere scusa al prefetto alla presenza di funzionari delle forze dell’ordine, sindaci e rappresentanti delle associazioni. Padre Maurizio chiese di essere «perdonato» visto che non era abituato a parlare in riunio­ni ufficiali.

«Sono anni che è pace fatta – scherza don Patriciello – È la prima volta che ci incontriamo da quando il prefetto Pagano è a Napoli e abbiamo voluto fare questo omaggio come benvenuto».

Previous Il grillino Alberto Airola colpisce ancora:"I dati,il numeri dei feriti di sabato a Torino sono farlocchi.Tutto per infangare il buon lavoro dell'amministrazione Appendino."
Next L'INSULINA E LA GIUSTIZIA SOCIALE

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NOMINATO DAL PAPA IL CARD.GUALTIERO BASSETTI NUOVO PRESIDENTE DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA.BASSETTI:”Il Papa ci ha raccomandato di condividere tempo, ascolto, creatività e consolazione. È quello che cercheremo di fare insieme.”

La scelta di papa Francesco di “affidarmi questa responsabilità al crepuscolo della mia vita” è “il segno che crede nella capacità dei vecchi di sognare”. Sono le prime parole del

ultimissime

Carceri. Il garante Campano consegna 25 lavatrici. Ciambriello:”un gesto per migliorare la qualità della vita dei detenuti e gli standard di igiene e sicurezza sanitaria “

“Ci sono gesti piccoli, ma che in un momento di emergenza assumono un grande valore e sono essenziali. Sono lieto di annunciare che grazie al sostegno dell’Assessore regionale alle politiche

ultimissime

Napoli, su Noemi una ferita da guerra

Era “una ferita da guerra” quella sul corpo di Noemi, giunta venerdì pomeriggio nell’ospedale Santobono dopo che un proiettile le aveva trapassato entrambi i polmoni. Lo ha detto Giovanni Gaglione,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi