PADRE PATRICIELLO:”CARO RENZI E DE LUCA TERRA DEI FUOCHI NON SONO SOLO LE ECOBALLE DI GIUGLIANO.”

A Matteo Renzi, pochi mesi fa, alla reggia di Caserta dissi: « Presidente, “ Terra dei fuochi” non sono solo le ecoballe di Giugliano. “ Terra dei fuochi” è causata anche dai veleni che sono arrivati dalle regioni del Nord, compresa la tua». Il Presidente annuì. Abbassò lo sguardo e disse: « Lo so, le concerie …». Rivolto, poi, a Vincenzo De Luca, aggiunsi: « Presidente, “ Terra dei fuochi” è anche il risultato delle nostre industrie che lavorano in regime di evasione fiscale. Gli scarti di qualsiasi cosa prodotta in nero, necessitano di essere smaltiti in nero. Questo ormai lo sanno tutti». De Luca pose l’ accento sulla disoccupazione che in Campania è endemica. E che porterebbe ad arrangiarsi. A lavorare in nero. Il problema, quindi, appare insormontabile. « Noi non vogliamo aggiungere disoccupazione a disoccupazione. Vogliamo però che di lavoro nessuno abbia più a morire. A cominciare dai poveri operai. Occorre fare qualcosa. Andare incontro a questi fratelli. Aiutarli a mettersi in regola. Occorre pretendere la tracciabilità di tutto ciò che viene prodotto in Campania» risposi. Con me quel giorno c’erano il dottor Antonio Marfella, l’ avvocato Valentina Centonze e il professor Stefano Tonziello.

Padre Maurizio Patriciello.

Previous Fiera di Sant’Egidio, è un successo di pubblico
Next BATTESIMO PER IL PROGRAMMA GLOBULI AZZURRI DIRETTO DA SAMUELE CIAMBRIELLO .

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Rsf , In Italia aumentano le violenze sui giornalisti

“Una decina di giornalisti italiani sono ancora sotto una protezione permanente e rafforzata della polizia dopo le minacce di morte proferite, in particolare, dalla mafia, da gruppi anarchici o fondamentalisti”:

Economia e Welfare

“LE ISTITUZIONI DEVONO RISCOPRIRE L’IMPEGNO DEL SERVIZIO, NON QUELLO DEL COMANDO”

Sabato c’è stata la visita di Papa Francesco a Napoli. Sono tanti i luoghi della città in cui il Santo Padre è stato, e tante le parole di speranza e

Economia e Welfare

ENNESIMO NAUFRAGIO AL LARGO DELLE COSTE DI CRETA: TRA LE VITTIME ANCHE 5 BAMBINI

Ennesimo naufragio al largo delle coste di Creta. Un barcone affonda, 400 migranti dispersi in mare. Al momento sono state salvate 340 persone, ma a bordo ve ne erano 700.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi