PAPA FRANCESCO AD ASSISI NEL SEGNO DELLA PACE E DELL’ECUMENISMO

Assisi accoglie con gioia l’arrivo di Papa Francesco, per la sua terza visita nella cittadina del “poverello”. La sua presenza (il Pontefice è arrivato poco dopo le 11 come da programma) suggella l’evento interreligioso che da due giorni sta impegnando oltre cinquecento leader di varie confessioni, nonché esponenti della politica e dell’economia per lanciare al mondo un messaggio di pace, contro tutte le forme di terrorismo e violenza diffusa. Previsti incontri singoli tra il Papa e i vari esponenti della fede cristiana, ma anche ebraica e musulmana. Poi la preghiera, ogni fede in un luogo diverso, e in conclusione l’appello di pace tutti insieme nel piazzale antistante la Basilica inferiore di San Francesco.

La meditazione di Papa Francesco
“Di fronte a Gesù crocifisso – ha detto Francesco – risuonano anche per noi le sue parole: «Ho sete» (Gv 19,28). La sete, ancor più della fame, è il bisogno estremo dell’essere umano, ma ne rappresenta anche l’estrema miseria. Contempliamo così il mistero del Dio Altissimo, divenuto, per misericordia, misero fra gli uomini”.
“Di che cosa ha sete il Signore? – ha continuato il Papa – Certo di acqua, elemento essenziale per la vita. Ma soprattutto ha sete di amore, elemento non meno essenziale per vivere. Ha sete di donarci l’acqua viva del suo amore, ma anche di ricevere il nostro amore”.

Papa Francesco ha poi aggiunto: “L’Amore non è amato”: secondo alcuni racconti era questa la realtà che turbava San Francesco di Assisi. Egli, per amore del Signore sofferente, non si vergognava di piangere e lamentarsi a voce alta (cfr Fonti Francescane, n. 1413). Questa stessa realtà ci deve stare a cuore contemplando il Dio crocifisso, assetato di amore. Madre Teresa di Calcutta volle che nelle cappelle di ogni sua comunità, vicino al Crocifisso, fosse scritto “Ho sete”. Estinguere la sete d’amore di Gesù sulla croce mediante il servizio ai più poveri tra i poveri è stata la sua risposta. Il Signore è infatti dissetato dal nostro amore compassionevole, è consolato quando, in nome suo, ci chiniamo sulle miserie altrui. Nel giudizio chiamerà “benedetti” quanti hanno dato da bere a chi aveva sete, quanti hanno offerto amore concreto a chi era nel bisogno: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» (Mt 25,40).

Previous RENZI IN AMERICA FA IL PUNTO SU RIFUGIATI E MIGRANTI
Next GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2016 A NAPOLI : MUSEI A 1 EURO E APERTURE STRAORDINARIE .

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

ISRAELE , ULTIME MANOVRE PER RIDETERMINARE L’ESECUTIVO

Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano,  in un discorso tenuto ieri in diretta televisiva ha annunciato di non scioglie il suo governo e rilancia la sfida ammonendo i suoi alleati di

Approfondimenti

POLICLINICO SUN, BENEFATTRICE DONA TRECENTOMILA EURO. D’AMELIO SCOPRE UNA TARGA. LA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE HA INCONTRATO QUESTA MATTINA L’EQUIPE DEL PROFESSOR CAPASSO

“Ho la possibilità di far conoscere una bella storia di solidarietà scoprendo una targa dedicata a un’anonima benefattrice napoletana che, con la massima riservatezza e grande cuore, ha donato al Policlinico

Approfondimenti

IL MINISTERO DEL LAVORO ADERISCE ALLA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE “#HOMELESSZERO”

Nell’ambito del Taormina Film Fest, è stato firmato  il Protocollo d’Intesa tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la fio.PSD Onlus (Federazione Italiana Organismi per le Persone

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi