PAPA FRANCESCO:”DICIAMO DI ESSERE CRISTIANI, DI AVERE UN PADRE, MA VIVIAMO, NON DICO COME ANIMALI MA COME PERSONE CHE NON CREDONO NE’ IN DIO NE’ NELL’UOMO, SENZA FEDE”

Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell’uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell’amore ma nell’odio, nella competizione, nelle guerre. E’ santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E’ santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E’ santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio“. Così si è espresso Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nella discussione  in onda su Tv2000 nel programma ‘Padre nostro’, dal 25 ottobre ogni mercoledì alle ore  21.00.
L’anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Da questo incontro è nato anche il libro ‘Padre nostro’ di Papa Francesco.

Previous IL PAN RENDE OMAGGIO AL GENIO DI SEBASTIO SALGADO
Next Pittella, per cambiare Ue serve una grande forza socialista

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

CIARAMBINO(MOV5STELLE):”De Luca chiude il cerchio clientelare, le mani sulla sanità.”

“La prova di fedeltà del SI al referendum serve a De Luca per mettere definitivamente le mani sulla sanità campana e applicare il suo noto metodo della ‘frittura di pesce’.

ultimissime

Il garante Ciambriello racconta la sua visita nel carcere di Carinola(CE) e denuncia:”le celle con bagno a vista:un trattamento inumano e degradante.”

“Ieri sono stato nel carcere di Carinola (CE). Dopo aver effettuato dei colloqui individuali con una decina di detenuti, ho inaugurato, insieme al direttore dell’istituto penitenziario Carlo Brunetti ed alcuni

ultimissime

Campania, Sanità, Ciarambino(M5S): “Assunzioni illegali al Policlinico, istruttoria Anac del presidente Cantone grazie a nostro esposto”

“A seguito di un nostro esposto, l’Autorità nazionale anticorruzione ha concluso un’istruttoria firmata dal presidente Cantone, inviando a sua volta un esposto a Procura e Corte dei Conti nel quale

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi