PAPA: ” OGGI MENTRE SUL MONDO SOFFIANO VENTI DI GUERRA, IL NATALE CI RICHIAMA AL SEGNO DEL BAMBINO E A RICONOSCERLO NEI VOLTI DEI BAMBINI, DI QUELLI PER I QUALI NON C’E’ POSTO NELL’ALLOGGIO”

Il Papa nel suo messaggio di Natale, letto dalla loggia delle benedizioni della basilica di San Pietro : “Oggi, mentre sul mondo soffiano venti di guerra e un modello di sviluppo ormai superato continua a produrre degrado umano, sociale e ambientale, il Natale, ci richiama al segno del Bambino, e a riconoscerlo nei volti dei bambini, specialmente di quelli per i quali, come per Gesù, ‘non c’è posto nell’alloggio'”. 

Il Papa, nel suo messaggio, prega per Gerusalemme e Terrasanta “perché tra le parti prevalga la volontà di riprendere il dialogo e si possa finalmente giungere a una soluzione negoziata che consenta la pacifica coesistenza di due Stati all’interno di confini concordati tra loro e internazionalmente riconosciuti” e prega per “lo sforzo di quanti nella Comunità internazionale sono animati dalla buona volontà”.   Il papa Francesco nel messaggio Urbi et Orbi , continuando dichiara: “Vediamo Gesù  nei bambini del Medio Oriente, che continuano a soffrire per l’acuirsi delle tensioni tra Israeliani e Palestinesi. In questo giorno di festa invochiamo dal Signore la pace per Gerusalemme e per tutta la Terra Santa; preghiamo perché tra le parti prevalga la volontà di riprendere il dialogo e si possa finalmente giungere a una soluzione negoziata che consenta la pacifica coesistenza di due Stati all’interno di confini concordati tra loro e internazionalmente riconosciuti. Il Signore sostenga anche lo sforzo di quanti nella Comunità internazionale sono animati dalla buona volontà di aiutare quella martoriata terra a trovare, nonostante i gravi ostacoli, la concordia, la giustizia e la sicurezza che da lungo tempo attende. Vediamo Gesù nei bambini i cui genitori non hanno un lavoro e faticano a offrire ai figli un avvenire sicuro e sereno. E in quelli a cui è stata rubata l’infanzia, obbligati a lavorare fin da piccoli o arruolati come soldati da mercenari senza scrupoli. Vediamo Gesù nei molti bambini costretti a lasciare i propri Paesi, a viaggiare da soli in condizioni disumane, facile preda dei trafficanti di esseri umani“.  In conclusione il Papa dice: “Rivedo Gesù nei bambini che ho incontrato durante il mio ultimo viaggio in Myanmar e Bangladesh, e auspico che la Comunità internazionale non cessi di adoperarsi perché la dignità delle minoranze presenti nella Regione sia adeguatamente tutelata”

Previous ROMA: IN PROGRAMMA LA SETTIMA EDIZIONE DELL'ATLETICOM "WE RUN ROME"
Next ANDREA ORLANDO:"BUONE NOTIZIE PER UNA GIUSTIZIA CHE TORNA AD INVESTIRE SULLE RISORSE UMANE."

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Messa in Coena Domini.Papa Francesco tra i detenuti di Paliano(FR): «La lavanda dei piedi non è folclore.Questo è amore, essere servi degli altri»

«Pensiamo soltanto all’amore di Dio oggi». Ai detenuti del carcere di Paliano il Papa ha lasciato questo invito al termine dell’omelia della Messa in Coena Domini, pronunciata lontano dalle telecamere.

ultimissime

UNIVERSIADI, CI SARANNO 800 AGENTI

Sicurezza, impianti, accoglienza i temi al centro della cabina di regia per le Universiadi 2019 che si è tenuta nel pomeriggio nella sede della Regione a Palazzo Santa Lucia. Attorno

ultimissime

A GLOBULI AZZURRI SALVATORE BAGNI:”AL NAPOLI SERVE UNA PUNTA D’AREA

” Serve una punta d’area”questa la dichiarazione dell’ex giocatore del Napoli, intervenuto in collegamento telefonico con la trasmissione televisiva condotta da Samuele Ciambriello e Mary D’Onofrio, in diretta sulle frequenze

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi